Effetto Mandela cosa significa? Psicologia, esempi.

Il fenomeno definito “Effetto Mandela” si riferisce alla tendenza di un vasto gruppo di persone a ricordare eventi o dettagli in modo errato, ma coerente.

“Si verifica quando molte persone diverse ricordano in modo errato la stessa cosa, creando così una falsa memoria collettiva”, afferma Holly Schiff, psicologa della clinica autorizzata di Greenwich, nel Connecticut.

Effetto Mandela significato esempi

Questo fenomeno prende il nome da Nelson Mandela, poiché molte persone ricordano erroneamente che sia morto negli anni ’80 in prigione, mentre in realtà è morto nel 2013 a casa sua. L’Effetto Mandela mostra come la memoria umana possa essere influenzata da vari fattori, portando a ricordi distorti o completamente falsi.

Caratteristiche principali dell’Effetto Mandela:

  1. Ricordare eventi che non sono mai accaduti: un gruppo di persone può avere ricordi dettagliati di un evento inesistente.
  2. Ricordi distorti: alcuni dettagli di eventi reali vengono ricordati in modo errato.
  3. Ricordi condivisi: diverse persone non correlate condividono ricordi simili e inesatti.

Esempi di Effetto Mandela:

  • Topolino: il celebre personaggio Disney è spesso ricordato erroneamente con le bretelle, quando invece indossa un paio di pantaloncini rossi senza bretelle.
  • Mr. Monopoly: uno degli esempi più citati dell’Effetto Mandela riguarda Mr. Monopoly, la mascotte del famoso gioco da tavolo Monopoly. Spesso la gente lo ricorda male raffigurato con un monocolo.
  • “Luke, io sono tuo padre” (Star Wars): la frase reale è “No, io sono tuo padre”.
  • Biancaneve e i 7 nani: la frase che ricordano tutti è “Specchio, specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?” Ma, la frase corretta è “Specchio magico, servo delle mie brame, chi è la più bella del reame?”
  • La scimmietta del cartone animato “Curioso come George” viene ricordata con la coda, ma in realtà non ce l’ha.
  • Gli orsi Berenstain: molti ricordano il nome come “Berenstein” anziché “Berenstain”.
  • “La vita è come una scatola di cioccolatini” (Forrest Gump): la frase reale è “Mia madre diceva sempre che la vita era come una scatola di cioccolatini”.
  • Il logo Coca Cola non è scritto con il trattino (Coca-Cola), ma con un puntino in alto fra le due parole.
  • Nel logo del marchio Fruit of the Loom non c’è una cornucopia, ma solo frutta.
Ti può interessare  Rabbia come gestirla e superarla comprendendola

Possibili cause dell’Effetto Mandela:

  1. Priming: l’esposizione a uno stimolo può influenzare la risposta a un successivo stimolo, portando a ricordi distorti.
  2. Falsi ricordi: ricordi che sembrano reali ma sono distorti o completamente inventati.
  3. Confabulazione: creazione di falsi ricordi senza intenzione di ingannare, spesso dovuta a disturbi della memoria.
  4. Pregiudizi emotivi e personali: fattori emotivi o pregiudizi possono influenzare la formazione e il recupero dei ricordi.

Teorie sull’Effetto Mandela:

  • Universi paralleli: una teoria non provata suggerisce che i ricordi distorti potrebbero derivare da mescolanze tra diverse realtà o universi paralleli.
  • Impatto di Internet: la diffusione rapida di informazioni false su Internet può rafforzare e diffondere ricordi errati.

La natura della memoria

La Dott.ssa Schiff afferma che, dal punto di vista neuroscientifico, i ricordi non vengono ricordati perfettamente ogni volta che li richiamiamo. Anziché essere immutabili, i ricordi possono essere influenzati e distorti nel tempo. Questo significa che la memoria umana è fallibile e talvolta inaffidabile.

Origini dei falsi ricordi

I falsi ricordi possono derivare da varie fonti:

  1. Rappresentazioni errate nella memoria:
    • Memoria di lavoro: la memoria a breve termine può distorcere i dettagli di un evento.
    • Memoria a lungo termine: i ricordi possono diventare meno accurati man mano che invecchiano.
  2. Suggestione e informazioni errate:
    • Influenza esterna: i ricordi possono essere alterati da suggerimenti o informazioni errate provenienti da altre persone.
    • Esempio del dipinto di Enrico VIII: la suggestione può far sì che le persone ricordino un dipinto che in realtà è basato su una caricatura o un’immagine di un cartone animato.

Modifiche delle reti neurali

Ogni volta che richiamiamo un ricordo, le reti cerebrali coinvolte nel recupero di quel ricordo possono modificarlo. Quindi, quando ricordiamo un evento, potremmo in realtà ricordare la nostra ultima rievocazione del ricordo, non l’evento originale. Questo processo porta a piccoli cambiamenti nel ricordo ogni volta che viene richiamato, adattandosi alla nostra esperienza individuale del momento.

Ti può interessare  Vivere con i rimpianti per le scelte sbagliate ha conseguenze negative

Influenza dell’immaginazione

La ricerca mostra che i falsi ricordi possono essere creati anche attraverso l’immaginazione vivida di un evento. Quando una persona immagina un’esperienza in modo dettagliato, il cervello può incorporarla come un vero ricordo.

Attribuzione sbagliata della fonte

I ricordi possono essere attribuiti erroneamente a fonti diverse. Ad esempio, una persona può ricordare di aver sentito una storia da un amico, ma in seguito credere di essere stata lei a vivere l’evento.

Influenza delle malattie psicologiche e dei traumi

  • Malattie psicotiche: le persone con condizioni psicotiche possono sperimentare falsi ricordi a causa di allucinazioni o deliri, credendo di aver vissuto eventi che non sono accaduti nella realtà.
  • Eventi traumatici: il cervello può alterare i ricordi di eventi traumatici come meccanismo di difesa, creando falsi ricordi per proteggere l’individuo dall’impatto completo del trauma.

Gli studi dimostrano che la memoria umana è altamente suscettibile a distorsioni e falsi ricordi a causa di vari fattori, tra cui la suggestione, l’immaginazione, l’errore nell’attribuzione delle fonti, e l’influenza di malattie psicologiche o esperienze traumatiche.

Conclusioni

L’Effetto Mandela evidenzia le imperfezioni della memoria umana e il modo in cui le informazioni errate possono diventare convinzioni condivise. Per verificare la precisione dei propri ricordi, è utile ricercare fonti affidabili e confrontarsi con altre persone, evitando domande suggestive che possono influenzare le risposte.

(Fonti consultate: simplypsychology.org; forbes.com)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership