Incomprensione reciproca: perché è impossibile comprendersi.

G. I. Gurdjieff diceva: -“Prima di discutere con qualcuno occorre realizzare fino a che punto quella persona può capire le nostre parole. Il parlare nonostante l’impossibilità di essere compresi dall’altro è sempre una perdita di tempo e di energia. Chi è consapevole, parla solo quando è certo che chi ascolta è in grado di comprendere.”

Citazione sull'impossibilità di essere compresi Gurdjieff

Perché non ci comprendiamo?

La malcomprensione è la regola tra gli esseri umani. Dalla più piccola lite alla guerra in larga scala. Perché? Perché ogni parola assume per ognuno di noi un significato diverso a seconda del proprio vissuto e sopratutto dal livello di coscienza soggettivo. Ecco perché non comprendersi, tra le persone, e’ la norma.

Se credete che ogni essere umano debba comprendere le vostre parole o quelle dei Maestri, come arrivano a voi, vi illudete. L’illusione è un fenomeno mentale che ci allontana dalla realtà e dalla sua complessità. La vita segue una sua “logica” che va oltre il nostro concetto di “giusto” e “sbagliato”. La vita non è morale e nemmeno immorale ma amorale.

Le nostre credenze sulla realtà non sono la realta’ “oggettiva” ma una sua rappresentazione interna delle nostre credenze. Una credenza è un costrutto mentale inserito nella nostra mente dall’esterno. Noi entriamo in conflitto per le credenze che sono spesso più idee che esperienze.

Una persona che, per esempio, non ha mai vissuto l’esperienza dell’amore incondizionato o del perdono potrà parlarne sul piano analitico ma non può sapere di cosa parla se non è passato per quella esperienza. Lo stesso vale per la sessualità, la malattia e il lutto. Come può un prete parlare di sesso senza averlo provato? Come può un terapeuta curare un depresso senza aver mai esperito una depressione?

Ti può interessare  Cosa vuol dire essere una persona paziente? Il valore della pazienza

Esperire vuol dire morire a se stessi… passare attraverso l’esperienza… per andare oltre la logica razionale. Per crescere bisogna morire alle proprie credenze.

Non credete a nessuno, neanche alle parole dei cosiddetti “Maestri” o a quelle che, secondo voi, sono le autorità o si proclamano tali. Non credere neanche a te stesso, ma credi solo all’esperienza… nessuno può dirti cosa è giusto o sbagliato e tu non puoi dire a nessuno cosa è giusto o sbagliato.

Decidi cosa è “giusto” o “sbagliato” per te attraverso l’esperienza e prenditi la responsabilità della tua vita, ma ricorda che nessuno potrà comprenderti veramente perché siamo sempre soli nella nostra esperienza.

Le parole sono il mezzo con cui comunichiamo anche se ci scontriamo perché utilizziamo termini diversi, secondo noi oggettivi, per dire a volte la stessa cosa. Quello umano è un mondo intersoggettivo e la relazione si basa proprio sulla negoziazione del significato delle parole. E’ nella relazione che si costruiscono i significati. Ma la relazione non è fatta solo di parole, anzi le parole spesso ci allontanano.

Le parole dette senza coscienza feriscono, uccidono.

Funzioniamo così: “io ho ragione, secondo i miei schemi mentali, mentre l’altro ha torto perché ha schemi mentali diversi dai miei”. Questo fenomeno è amplificato sui social dove ci si irrita, si giudica, si offende l’altro per imporre la propria visione del mondo.

L’Arte, per esempio, nasce all’anima perché usa il linguaggio simbolico che è universale e arriva direttamente al cuore… quella che viene definito “Centro Emotivo Superiore” da Gurdjieff. Senza una comunicazione da cuore a cuore gli esseri umani sono impossibilitati a comunicare.

Dovremmo imparare il valore del silenzio, non per presunzione, ma perché è necessario capire se quello che voglio dire, l’altro possa capirlo veramente oppure no.

Ti può interessare  Disidentificazione Psicosintesi: meditazioni di Assagioli

Ho speso tanto tempo e fiato con persone che pensavo potessero e dovessero capirmi e ho compreso che a sbagliare ero io. Non puoi parlare a chi è sordo e non puoi mostrare il tuo mondo interiore a chi è cieco. Non puoi pretendere che l’altro ti capisca… perché l’altro non è te. L’altro è diverso da te. L’altro non è dentro di te.

Le donne vorrebbero che gli uomini le capissero… gli uomini che le donne li capissero… gli islamici che i cristiani li capissero… i cristiani che gli islamici li capissero… i buddhisti che gli islamici li capissero… è sempre stato così, ma niente è mai cambiato.

Chi ha deciso di “svegliarsi” e compiere un lavoro su di sé è pronto per cogliere la verità a seconda dell’impegno che mette nel conoscersi. La Verità non si ottiene volendo avere ragione a tutti i costi e urlandola agli altri, ma ascoltando più i silenzi che le parole. Nel silenzio in cui Dio stesso si esprime.

(Autore: Tiziano Cerulli psicologo)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.