Nisargadatta Maharaj frase citazione “io sono quello”.

Nella quiete della mente mi vedevo come sono – libero. (Sri Nisargadatta Maharaj)

Frase Nisargadatta Io sono libero

Chi è Nisargadatta Maharaj?

Nisargadatta Maharaj (Maruti Kampli) nasce nel 1897 a Bombay. Si sposa, cresce quattro figli e per vivere fa il tabaccaio. A 33 anni conosce un maestro che gli insegna a concentrarsi sul mantra Brahmasmi (“Sono il Supremo”). Poco dopo si “realizza”. Resta nella sua casa a dialogare con chiunque lo raggiunga fino all’8 settembre 1981, anno in cui muore.

Egli appartiene a una linea di trasmissione marathi del Vedanta monistico, che si fa risalire al Mahatma Dattatreya. Tra i veggenti di epoca vedica, Datta avrebbe istituito il primo lignaggio spirituale (parampara), che nel Maharastra è noto come navnath sampradaya, la “scuola dei nove”, cui fu affiliato il maestro di Maharaj e, alla sua morte, lui stesso.

L’iniziazione avviene quando un giorno Maruti (Nisargadatta) si reca da Maharaj (il Suo Maestro), gli si accoccola ai piedi, e attende. Non sa che quella volta sarà l’ultima, non solo perché il maestro di lì a poco cesserà di vivere, ma anche perché ciò che sta per dirgli è la massima condensazione dell’Advaita Vedanta, e insieme la via diretta all’esperienza metafisica: “Tu sei il Supremo… agisci in conformità“. E aggiunge: “Credilo con fermezza, non dubitarne mai, ricordalo senza intermissione”. A Maruti non restò che obbedire. “Continuai la mia solita vita, ma ogni momento libero lo passavo a ricordare il maestro e le sue parole. Poiché non le ho dimenticate, mi sono realizzato”. Così raccontava Nisargadatta, a chi lo interrogava sulla sua iniziazione.

Ti può interessare  Il livello di coscienza dell'essere umano attrae gli eventi - La Quarta Via

Estratto dal libro “Io sono quello”

Per spiegare l’inspiegabile Maharaj finge di narrare una fiaba: “Nell’immensità della coscienza appare una luce, un puntolino veloce che traccia forme, assembra pensieri e sentimenti, idee e concetti, come la penna sul foglio. Tu sei quel puntolino, e muovendoti ricrei ogni volta il mondo. Ti arresti, e il mondo scompare. Va’ dentro, e vedrai che quel punto luminoso è l'”io sono”, come il riflesso nel corpo dell’immensità della luce. Solo la luce è, tutto il resto appare”.
“Durante la veglia, la coscienza si sposta di continuo da una sensazione all’altra, di percezione in percezione, da un’idea all’altra, senza fine. La consapevolezza è dell’interezza e della totalità della mente penetrate direttamente. La mente è come un fiume che scorre nel letto del corpo, per un momento t’identifichi con un’onda e la chiami “il mio pensiero”. Tutti i tuoi oggetti di coscienza fanno la mente; la consapevolezza è lo stato in cui la coscienza è colta nella sua interezza”.

(Fonte: riflessioni.it)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.