Sindrome dell’impostore psicologia: sintomi, test, cura.

La “sindrome dell’impostore” è un fenomeno psicologico in cui le persone, nonostante il successo e il riconoscimento esterno per le proprie competenze e realizzazioni, si sentono internamente incapaci e credono di avere ottenuto il loro successo in modo ingannevole o per errore.

Persino Albert Einstein avrebbe avuto questa sensazione di essere un impostore, nonostante il suo straordinario contributo alla teoria della relatività.

Il termine “sindrome dell’impostore” è stato coniato nel 1978 dalle psicologhe Pauline Rose Clance e Suzanne Imes, che lo hanno identificato in studenti universitari che non si sentivano meritevoli dei loro successi accademici. Questa sindrome rappresenta un’esperienza interna di frode intellettuale, in cui la persona pensa di non essere veramente competente e teme che gli altri scopriranno la sua presunta inadeguatezza.

Si stima che questa sensazione colpisca circa l’80% delle persone in qualche momento della loro vita. Nonostante il nome possa far pensare a una malattia mentale, la sindrome dell’impostore non è ufficialmente riconosciuta come tale nei manuali diagnostici, ma è piuttosto considerata una manifestazione comune di insicurezza umana.

Qual è la causa della sindrome dell’impostore e come superarla?

Le possibili spiegazioni dietro questa sindrome includono il pregiudizio noto come “ignoranza pluralistica”, in cui ciascuna persona dubita di sé stessa, ma pensa erroneamente di essere l’unica a farlo. Questo perché gli individui tendono a non esprimere i propri dubbi, pensando che gli altri non condividano le stesse preoccupazioni.

Gli esperti consigliano di superare questa insicurezza attraverso la comunicazione e la condivisione delle proprie paure di non essere all’altezza, poiché ciò potrebbe evidenziare che anche le figure di successo hanno sperimentato la sindrome dell’impostore.

Ti può interessare  16 Dicembre frase di oggi sull'indecisione

La sindrome dell’impostore non è legata necessariamente a ansia o depressione, ma è un aspetto comune della natura umana. Esprimere le preoccupazioni e condividere le esperienze può contribuire a superare questa insicurezza e a riconoscere che molti altri condividono sentimenti simili.

Sintomi della sindrome dell’impostore

La sindrome dell’impostore è caratterizzata da una serie di sentimenti e pensieri che possono influire sul benessere emotivo e sulla percezione di sé stessi. I sintomi possono variare da persona a persona, ma alcuni comuni includono:

  1. Dubitare di se stessi e insicurezza: le persone affette dalla sindrome dell’impostore spesso dubitano delle proprie competenze e capacità, anche quando hanno ottenuto successi evidenti.
  2. Paura di essere scoperti: c’è una costante preoccupazione di essere scoperti come “imbroglioni” o “falsi” e che gli altri riconoscano la presunta mancanza di competenza.
  3. Minimizzazione dei successi: le persone con questa sindrome tendono a minimizzare i propri successi, attribuendoli a fattori esterni come la fortuna o le circostanze, anziché riconoscerli come risultato delle proprie abilità.
  4. Perfezionismo e autoimposizione di standard elevati: c’è spesso una tendenza a fissare standard elevati e a cercare la perfezione nelle proprie prestazioni, anche se ciò può portare a un carico di lavoro eccessivo.
  5. Comparazione costante con gli altri: le persone affette dalla sindrome dell’impostore possono costantemente confrontarsi con gli altri, credendo che gli altri siano più competenti e che loro stessi siano inferiori.
  6. Paura del fallimento: la paura di fallire o di non essere all’altezza delle aspettative può portare a evitare nuove sfide o a procrastinare le azioni.
  7. Difficoltà nell’accettare complimenti: le persone con questa sindrome possono avere difficoltà a accettare i complimenti, pensando che le lodi siano sproporzionate rispetto alle loro reali capacità.

È importante notare che la sindrome dell’impostore può manifestarsi in modi diversi per ogni individuo, e alcuni potrebbero sperimentare solo alcuni di questi sintomi. Inoltre, la sindrome può essere temporanea o persistente nel tempo. Se si riconoscono questi sintomi in se stessi o in qualcuno che si conosce, cercare il supporto di amici, familiari o professionisti della salute mentale può essere utile per affrontare questi sentimenti.

Ti può interessare  10 Febbraio frase di oggi: chiave del successo

Sindrome dell’impostore: test psicologico

Non esiste un test specifico o standardizzato per determinare se si soffre della sindrome dell’impostore. Puoi esplorare i tuoi sentimenti e comportamenti attraverso alcune domande di autoanalisi.

Rispondi sinceramente a queste domande per avere un’idea generale:

  1. Ti senti spesso come se non fossi all’altezza delle aspettative degli altri, nonostante il successo che hai ottenuto?
  2. Hai paura che gli altri scopriranno che non sei così competente come sembri?
  3. Minimizzi i tuoi successi attribuendoli alla fortuna o alle circostanze, piuttosto che alle tue abilità?
  4. Hai la tendenza a confrontarti costantemente con gli altri e a pensare che siano più competenti di te?
  5. Ti poni standard estremamente elevati e fai fatica a accettare di commettere errori?
  6. Eviti nuove sfide o opportunità perché temi di non farcela o di deludere gli altri?
  7. Hai difficoltà ad accettare i complimenti, credendo che le lodi siano sproporzionate rispetto al tuo merito?
  8. Procrastini spesso o eviti di presentare il tuo lavoro perché temi di non soddisfare le aspettative?
  9. Ti senti costantemente sotto pressione per dimostrare il tuo valore e la tua competenza?
  10. Hai mai esitato a condividere le tue opinioni o idee per paura che gli altri le ritengano sbagliate o inadeguate?

Se le tue risposte indicano una prevalenza di sentimenti di dubbio, paura di essere scoperto, autodeprezzamento e tendenze al perfezionismo, potresti essere incline alla sindrome dell’impostore.

Tuttavia, è importante considerare che questo test non è un sostituto per una valutazione professionale da parte di uno psicologo o di un professionista della salute mentale. Se hai preoccupazioni serie riguardo alla sindrome dell’impostore o a problemi legati alla tua salute mentale, è consigliabile cercare il supporto di un esperto.

Ti può interessare  Come eliminare le emozioni negative: guida per affrontarle

Sindrome dell’impostore: qual è la cura?

La sindrome dell’impostore non è una condizione clinica ufficialmente riconosciuta, e quindi non esiste una cura specifica. Tuttavia, ci sono diverse strategie e approcci che possono essere utili per gestire i sintomi e affrontare questa sensazione di inadeguatezza.

Ecco alcune raccomandazioni:

  1. Consulenza professionale: rivolgiti a uno psicologo o uno psicoterapeuta per un supporto individuale. La terapia cognitivo-comportamentale (TCC) è spesso utilizzata per affrontare i modelli di pensiero negativo e per promuovere una prospettiva più realistica e positiva di sé stessi.
  2. Consapevolezza e auto-riflessione: cerca di essere consapevole dei tuoi pensieri e dei modelli di comportamento associati alla sindrome dell’impostore. L’autoriflessione può aiutarti a identificare i pensieri negativi e a sviluppare strategie per affrontarli.
  3. Affronta il perfezionismo: lavora sulla riduzione delle aspettative irrealistiche e sulla comprensione che l’errore è parte integrante del processo di apprendimento. Accettare che nessuno è perfetto può ridurre la pressione e la paura di fallire.
  4. Accetta i successi: riconosci i tuoi successi e impara a attribuirli alle tue abilità e competenze, anziché sminuirli attribuendoli alla fortuna o alle circostanze.
  5. Comunicazione aperta: parla dei tuoi sentimenti con amici, familiari o colleghi di fiducia. Scoprire che altri possono condividere esperienze simili può aiutarti a superare la sensazione di isolamento.
  6. Imparare a gestire la critica: accetta che ricevere feedback e critiche non significa automaticamente essere un impostore. Impara a vedere la critica come un’opportunità di crescita e miglioramento.
  7. Sviluppa la fiducia in te stesso: focalizzati sugli aspetti positivi di te stesso e sulle tue reali competenze. Ricorda i tuoi successi passati per costruire la fiducia in te stesso.
  8. Impara a gestire lo stress: le tecniche di gestione dello stress, come la meditazione, la respirazione profonda o l’esercizio fisico regolare, possono aiutarti a mantenere un equilibrio emotivo.

Queste strategie possono variare da persona a persona, e potrebbe essere utile lavorare con uno specialista per adattarle alle tue specifiche esigenze.

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership