Avere uno scopo nella vita migliora la salute.

  • Una nuova ricerca dimostra che il benessere mentale può aiutare a proteggere la salute del cervello mentre invecchiamo.
  • I risultati hanno fortemente collegato lo scopo e il significato della vita con un rischio ridotto di decadimento cognitivo lieve e demenza.
  • Attività significative che coinvolgono la mente, il corpo e lo spirito possono aiutare a prevenire il morbo di Alzheimer e altre demenze.

Il significato della vita potrebbe semplicemente consistere nel trovare un significato nella vita stessa.

Una nuova meta-analisi in Aging Research Reviews suggerisce che una vita vissuta con uno scopo e un significato fa bene alla salute del cervello, offrendo implicazioni per il deterioramento cognitivo negli anziani.

Secondo l’Istituto Nazionale sull’Invecchiamento, le persone con più di 65 anni rappresenteranno il 16% della popolazione mondiale entro il 2050, con un aumento del 50% rispetto al 2010. Si prevede che la prevalenza globale del morbo di Alzheimer e di altre demenze potrebbe triplicare entro il 2050, da circa 57 milioni a 152 milioni.

Mentre prove precedenti mostrano che uno stile di vita sano, come mantenere il cervello attivo, esercizio fisico regolare e una dieta equilibrata, riduce il rischio di demenza, la nuova ricerca offre informazioni su come il benessere psicologico possa anche svolgere un ruolo importante nel rallentamento cognitivo declino.

In che modo avere uno scopo migliora la salute del cervello?

Gli anziani con demenza affrontano maggiori rischi per condizioni di salute mentale come la depressione.

Ricerche precedenti hanno mostrato un forte legame tra psicologia positiva e risultati sulla salute fisica, mentre la ricerca sull’invecchiamento in buona salute mostra che il benessere mentale può svolgere un ruolo nella longevità.

Per capire meglio come il benessere mentale sia associato alla funzione cognitiva e al rischio di demenza, i ricercatori dell’University College London hanno esaminato i dati di 62.250 persone in tre continenti con un’età media di 60 anni.

La revisione sistematica di 11 studi ha osservato il legame tra costrutti psicologici positivi (PPC), come una vita propositiva e il rischio di demenza e decadimento cognitivo lieve (MCI) negli anziani.

I risultati indicano che avere uno scopo e un significato nella vita è significativamente associato a una riduzione del 19% del rischio di demenza. Questo era statisticamente più significativo di altri costrutti positivi come l’ottimismo e la felicità.

Tuttavia, i risultati contrastanti per diverse PPC evidenziano la necessità di ulteriori ricerche per esplorare la relazione causale tra fattori psicologici positivi e salute cognitiva.

Ti può interessare  Come liberarsi da una dipendenza affettiva e riprogrammare il sistema di ricompensa

Scopo della vita o ricerca del piacere: qual è la differenza?

Georgia Bell, una studentessa di dottorato presso l’University College London e autrice principale dello studio, ha spiegato a Psych Central che una vita intenzionale può avere un impatto maggiore sulla riduzione del rischio di MCI rispetto alla ricerca del piacere, a causa delle differenze tra eudemonico (ricerca della felicità intesa come scopo o significato) ed edonico (ricerca del piacere immediato).

Bell dice che: “Le persone con un benessere eudemonico più elevato potrebbero avere maggiori probabilità di impegnarsi in altri comportamenti protettivi, come l’esercizio fisico e le interazioni sociali”.

“Sebbene un individuo possa ottenere felicità da questi, la ricerca orientata all’obiettivo di vivere in un modo che sia intenzionale [o] significativo può fungere da motivazione per vivere uno stile di vita più sano”.

David A. Merrill, psichiatra per adulti e geriatrico, direttore del Pacific Brain Health Center del Pacific Neuroscience Institute a Santa Monica, in California, ha spiegato che le attività edoniche che ti portano felicità sono spesso fugaci e soddisfano bisogni o impulsi.

“La ricerca edonistica della felicità può comportare comportamenti insensati o malsani, come l’eccessiva indulgenza, a volte”, dice Merrill.

Secondo Merrill, le attività eudemoniche soddisfano un certo bisogno umano attraverso uno scopo o un significato.

Gli anziani possono trovare significato nel rafforzare le relazioni interpersonali, specialmente per coloro che hanno perso i propri cari o si sono allontanati dagli altri membri della famiglia.

“Se riesci a trovare uno scopo nell’approfondimento delle tue relazioni con gli altri, ciò potrebbe finire per promuovere tutti questi altri comportamenti di salute che proteggono il tuo cervello e il tuo corpo”, ha aggiunto Merrill.

La scienza del vivere con uno scopo

Se avere uno scopo o un significato nella vita porta a una migliore salute del cervello, è possibile che fattori biologici e neurologici svolgano un ruolo.

Ad esempio, uno studio pubblicato nell’aprile 2022 su Frontiers in Behavioral Neuroscience mostra che la soddisfazione per la vita aumenta con l’età a causa del maggiore rilascio di ossitocina.

Secondo Bell, è possibile che lo scopo e il significato siano anche associati a biomarcatori chiave legati alla demenza, come la neuroinfiammazione e la risposta allo stress cellulare.

“Anche se offriamo possibili spiegazioni, vorremmo sottolineare che queste sono solo speculative e in gran parte basate su meccanismi per la depressione e il rischio di demenza”, sottolinea Bell. “Sono necessarie ulteriori ricerche per capire meglio questo”.

Merrill ha convenuto che avere uno scopo potrebbe svolgere un ruolo protettivo nel ridurre la risposta allo stress, infatti “Se hai livelli più bassi di cortisolo, allora si spera che stia smorzando qualsiasi risposta neuroinfiammatoria cronica o risposta cellulare”.

Avere uno scopo nella vita migliora la salute.

  • Una nuova ricerca dimostra che il benessere mentale può aiutare a proteggere la salute del cervello mentre invecchiamo.
  • I risultati hanno fortemente collegato lo scopo e il significato della vita con un rischio ridotto di decadimento cognitivo lieve e demenza.
  • Attività significative che coinvolgono la mente, il corpo e lo spirito possono aiutare a prevenire il morbo di Alzheimer e altre demenze.
Ti può interessare  29 Dicembre frase di oggi sul complesso di superiorità

Il significato della vita potrebbe semplicemente consistere nel trovare un significato nella vita stessa.

Una nuova meta-analisi in Aging Research Reviews suggerisce che una vita vissuta con uno scopo e un significato fa bene alla salute del cervello, offrendo implicazioni per il deterioramento cognitivo negli anziani.

Secondo l’Istituto Nazionale sull’Invecchiamento, le persone con più di 65 anni rappresenteranno il 16% della popolazione mondiale entro il 2050, con un aumento del 50% rispetto al 2010. Si prevede che la prevalenza globale del morbo di Alzheimer e di altre demenze potrebbe triplicare entro il 2050, da circa 57 milioni a 152 milioni.

Mentre prove precedenti mostrano che uno stile di vita sano, come mantenere il cervello attivo, esercizio fisico regolare e una dieta equilibrata, riduce il rischio di demenza, la nuova ricerca offre informazioni su come il benessere psicologico possa anche svolgere un ruolo importante nel rallentamento cognitivo declino.

In che modo avere uno scopo migliora la salute del cervello?

Gli anziani con demenza affrontano maggiori rischi per condizioni di salute mentale come la depressione.

Ricerche precedenti hanno mostrato un forte legame tra psicologia positiva e risultati sulla salute fisica, mentre la ricerca sull’invecchiamento in buona salute mostra che il benessere mentale può svolgere un ruolo nella longevità.

Per capire meglio come il benessere mentale sia associato alla funzione cognitiva e al rischio di demenza, i ricercatori dell’University College London hanno esaminato i dati di 62.250 persone in tre continenti con un’età media di 60 anni.

La revisione sistematica di 11 studi ha osservato il legame tra costrutti psicologici positivi (PPC), come una vita propositiva e il rischio di demenza e decadimento cognitivo lieve (MCI) negli anziani.

I risultati indicano che avere uno scopo e un significato nella vita è significativamente associato a una riduzione del 19% del rischio di demenza. Questo era statisticamente più significativo di altri costrutti positivi come l’ottimismo e la felicità.

Tuttavia, i risultati contrastanti per diverse PPC evidenziano la necessità di ulteriori ricerche per esplorare la relazione causale tra fattori psicologici positivi e salute cognitiva.

Scopo della vita o ricerca del piacere: qual è la differenza?

Georgia Bell, una studentessa di dottorato presso l’University College London e autrice principale dello studio, ha spiegato a Psych Central che una vita intenzionale può avere un impatto maggiore sulla riduzione del rischio di MCI rispetto alla ricerca del piacere, a causa delle differenze tra eudemonico (ricerca della felicità intesa come scopo o significato) ed edonico (ricerca del piacere immediato).

Ti può interessare  Frasi sagge dal libro: Succede sempre qualcosa di meraviglioso di Gianluca Gotto

Bell dice che: “Le persone con un benessere eudemonico più elevato potrebbero avere maggiori probabilità di impegnarsi in altri comportamenti protettivi, come l’esercizio fisico e le interazioni sociali”.

“Sebbene un individuo possa ottenere felicità da questi, la ricerca orientata all’obiettivo di vivere in un modo che sia intenzionale [o] significativo può fungere da motivazione per vivere uno stile di vita più sano”.

David A. Merrill, psichiatra per adulti e geriatrico, direttore del Pacific Brain Health Center del Pacific Neuroscience Institute a Santa Monica, in California, ha spiegato che le attività edoniche che ti portano felicità sono spesso fugaci e soddisfano bisogni o impulsi.

“La ricerca edonistica della felicità può comportare comportamenti insensati o malsani, come l’eccessiva indulgenza, a volte”, dice Merrill.

Secondo Merrill, le attività eudemoniche soddisfano un certo bisogno umano attraverso uno scopo o un significato.

Gli anziani possono trovare significato nel rafforzare le relazioni interpersonali, specialmente per coloro che hanno perso i propri cari o si sono allontanati dagli altri membri della famiglia.

“Se riesci a trovare uno scopo nell’approfondimento delle tue relazioni con gli altri, ciò potrebbe finire per promuovere tutti questi altri comportamenti di salute che proteggono il tuo cervello e il tuo corpo”, ha aggiunto Merrill.

La scienza del vivere con uno scopo

Se avere uno scopo o un significato nella vita porta a una migliore salute del cervello, è possibile che fattori biologici e neurologici svolgano un ruolo.

Ad esempio, uno studio pubblicato nell’aprile 2022 su Frontiers in Behavioral Neuroscience mostra che la soddisfazione per la vita aumenta con l’età a causa del maggiore rilascio di ossitocina.

Secondo Bell, è possibile che lo scopo e il significato siano anche associati a biomarcatori chiave legati alla demenza, come la neuroinfiammazione e la risposta allo stress cellulare.

“Anche se offriamo possibili spiegazioni, vorremmo sottolineare che queste sono solo speculative e in gran parte basate su meccanismi per la depressione e il rischio di demenza”, sottolinea Bell. “Sono necessarie ulteriori ricerche per capire meglio questo”.

Merrill ha convenuto che avere uno scopo potrebbe svolgere un ruolo protettivo nel ridurre la risposta allo stress, infatti “Se hai livelli più bassi di cortisolo, allora si spera che stia smorzando qualsiasi risposta neuroinfiammatoria cronica o risposta cellulare”.

(Fonte: Psychcentral.com - "Having a ‘Life Purpose’ Is Linked with Better Brain Health, Study Shows")

“La vita è come un’importante corsa ciclistica, il cui traguardo è costituito dalla realizzazione della leggenda personale: secondo gli antichi alchimisti, questa è la vera missione della nostra venuta sulla Terra.” (Paulo Coelho, Sono come il fiume che scorre, 2006)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *