Senno di poi psicologia: credere erroneamente che gli eventi fossero prevedibili. Spesso è tipica l’esclamazione “Lo sapevo!”

In psicologia viene definito “bias del senno di poi” il fenomeno in cui le persone tendono a considerare gli eventi come più prevedibili dopo che sono già accaduti. In altre parole, le persone ritengono che un risultato fosse ovvio o prevedibile anche se non lo sembrava prima dell’evento.

Cos’è il bias del senno di poi?

Il bias del senno di poi si riferisce alla tendenza delle persone a percepire gli eventi come più prevedibili di quanto non fossero in realtà prima che si verificassero. Dopo che un evento è avvenuto, le persone spesso credono erroneamente di aver previsto il risultato.

Alcuni esempi di bias del senno di poi possono essere quando le persone affermano di aver previsto l’esito di un’elezione o di un evento sportivo solo dopo che è avvenuto. Gli studenti potrebbero pensare di conoscere già le risposte agli esami, ma questa convinzione potrebbe rivelarsi errata quando si confrontano con le domande effettive.

Cause del bias del senno di poi

Tre variabili chiave contribuiscono a questo fenomeno:

  • Cognitiva: le persone tendono a distorcere o ricordare male le loro previsioni precedenti per adattarle alle loro conoscenze attuali.
  • Metacognitiva: quando le persone riescono a spiegare facilmente perché è accaduto un evento, lo considerano più prevedibile.
  • Motivazionale: le persone preferiscono vedere il mondo come prevedibile, quindi credono che un risultato fosse inevitabile per sentirsi più confortate.
Ti può interessare  Liberarsi dalle cose inutili: perché è importante per il benessere psicologico?

Quando tutti e tre questi fattori si verificano prontamente in una situazione, è più probabile che si verifichi il bias del senno di poi.

Un altro esempio chiarificatore di come funziona il meccanismo psicologico del bias del senno di poi, è quando un film giunge alla fine e lo spettatore scopre chi era veramente l’assassino, potrebbe ripensare al film e ricordare male le sue prime impressioni sul personaggio colpevole, credendo di averlo saputo sin dall’inizio.

Impatto del bias del senno di poi

Questo modo di pensare può portare a un’eccessiva sicurezza nelle proprie capacità di previsione, il che può portare a decisioni inadeguate e rischi inutili. Inoltre, le persone potrebbero incolpare le vittime di eventi tragici perché ritengono che avrebbero dovuto prevederli.

O ancora, i rischi potrebbero essere finanziari, come ad esempio collocare una parte eccessiva del proprio risparmio in un portafoglio azionario rischioso. 

Oppure, potrebbe influire anche sull’aspetto emotivo, portando le persone a investire troppo di se stesse in una brutta relazione. 

Come superare il bias del senno di poi

Alcune strategie per contrastare questo pregiudizio possono essere attuate:

  • Considerare risultati alternativi : i ricercatori suggeriscono che un modo per contrastare questo pregiudizio è considerare cose che sarebbero potute accadere ma non sono accadute. 3 Esaminando mentalmente i potenziali risultati, le persone potrebbero acquisire una visione più equilibrata dell’apparente inevitabilità di un risultato.
  • Tenere un diario delle decisioni : annotare il tuo pensiero su un problema e una soluzione è un modo per ridurre al minimo gli effetti dei pregiudizi del senno di poi. Invece di guardare indietro e credere di conoscere la risposta da sempre, un diario significa che avrai una registrazione scritta del tuo processo di pensiero mentre risolvevi un problema specifico.
  • Ricordare i tuoi giudizi originali : la ricerca suggerisce che recuperare intenzionalmente la memoria del tuo giudizio originale prima di ricordare il risultato corretto può essere utile per eliminare i pregiudizi del senno di poi.
Ti può interessare  Come comportarsi con una persona che si lamenta sempre. Psicologia

In sintesi, il bias del senno di poi è la tendenza delle persone a credere erroneamente che gli eventi fossero prevedibili dopo che sono accaduti. Questo fenomeno può influenzare il modo in cui prendiamo decisioni e valutiamo gli eventi passati, ma esistono strategie per ridurne gli effetti e migliorare la nostra capacità di valutazione.

Aspetti positivi del bias del senno di poi: il modello RAFT

Secondo una nuova ricerca, il senno di poi – il modo in cui cambia la nostra impressione di come abbiamo agito o avremmo agito quando apprendiamo l’esito di un evento – è in realtà un sottoprodotto di un meccanismo cognitivo che ci consente di mettere ordine nella nostra mente, scartando le informazioni inesatte e accogliendo ciò che è corretto. 

I ricercatori del gruppo di ricerca Adaptive Behavior and Cognition (ABC) presso l’Istituto Max Planck per lo sviluppo umano di Berlino, in Germania, hanno sviluppato un modello di bias del senno di poi chiamato Reconstruction After Feedback with Take the Best (RAFT). Dott. Ulrich Hoffrage, Ralph Hertwig e Gerd Gigerenzer, autori del modello RAFT, hanno pubblicato le loro ricerche nel Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory and Cognition.

  1. Il modello RAFT si basa sull’idea fondamentale che quando una persona riceve feedback o informazioni corrette dopo aver espresso un giudizio iniziale su un evento, queste informazioni vengono automaticamente integrate nella sua base di conoscenza. In altre parole, le informazioni corrette vengono utilizzate per aggiornare la conoscenza iniziale che ha portato a formulare il giudizio.
  2. Ricostruzione del giudizio iniziale: se una persona non riesce a ricordare il suo giudizio iniziale, lo ricostruirà basandosi su ciò che sa attualmente della situazione. Ciò significa che il feedback influisce indirettamente sulla memoria, poiché le informazioni corrette vengono utilizzate per ricostruire la conoscenza utilizzata per formulare la risposta iniziale.
  3. Efficienza della memoria umana: da questa prospettiva il bias del senno di poi, invece di essere considerato un difetto della cognizione umana, è visto come un sottoprodotto di un meccanismo adattivo. Questo meccanismo rende la memoria umana più efficiente, poiché consente agli individui di aggiornare rapidamente le loro conoscenze in base a nuove informazioni.
Ti può interessare  Transurfing significato e riassunto dal libro di Vadim Zeland

In sintesi, il modello RAFT spiega come il feedback o le informazioni corrette ricevute dopo aver formulato un giudizio, influenzino indirettamente la memoria e portino a una ricostruzione del giudizio iniziale. Questo processo è considerato un meccanismo adattivo che migliora l’efficienza della memoria umana, anziché un difetto della cognizione.

(Fonti consultate: verywellmind.com; apa.org)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.