Perchè si dice che il primo amore non si scorda mai? Psicologia.

L’esperienza del primo amore si contraddistingue per la sua unicità e per la duratura impressione che lascia nella memoria delle persone.

Diversi studi hanno indagato sugli effetti dell’innamoramento sul cervello nel corso degli anni.

Uno studio pubblicato sul Journal of Comparative Neurology ha utilizzato la risonanza magnetica funzionale per dimostrare che gli innamorati rilasciano grandi quantità di dopamina e ossitocina (noto come “ormone dell’amore”), sottolineando che queste sostanze contribuiscono all’energia e all’euforia associate a tale esperienza. Anche dopo la fine della storia d’amore, si verificano picchi ormonali simili che contribuiscono a fissare il ricordo in modo duraturo.

Uno studio del 2017 del Journal of Positive Psychology ha rivelato che mediamente ci vogliono tre mesi per riprendersi da una delusione amorosa, ma molto più tempo per dimenticarla del tutto.

Il primo amore è ancora più indimenticabile grazie alla nostalgia per l’adolescenza, poiché la maggior parte delle persone vive la loro prima storia d’amore durante questo periodo.

Primo amore e neuroscienze

Il primo amore durante l’adolescenza ha un impatto profondo sul cervello e lascia una forte impronta nella memoria delle persone. Durante l’adolescenza, la memoria e le capacità di elaborazione sono al massimo, quindi l’esperienza dell’innamoramento viene ricordata in modo vivido. Questo legame è dovuto al fatto che i ricordi formati durante l’adolescenza lasciano tracce ormonali nel cervello mentre si sviluppa l’identità.

Ti può interessare  Sindrome del pallone gonfiato: complesso di superiorità sintomi e test

Queste tracce possono generare emozioni intense quando vengono attivate dai ricordi. Questo spiega perché ascoltare una canzone o vedere una foto del primo amore può suscitare emozioni forti.

Inoltre, il primo amore ha un’influenza duratura sulle relazioni future. L’esperienza così intensa diventa un modello comportamentale che influenza come ci approcciamo alle relazioni successive. Questo può portare a cercare costantemente emozioni simili a quelle provate con il primo amore. Anche ciò che non ci è piaciuto diventa un insegnamento per evitare simili situazioni negative.

Il primo amore diventa una sorta di punto di riferimento per giudicare le relazioni future, mantenendo viva la memoria e le emozioni associate ad essa grazie a processi neurochimici. Il confronto con il primo amore attiva la neurochimica ad esso collegata, mantenendo vive le emozioni legate a quel ricordo.

Quali impronte chimiche ormonali lascia il primo amore?

Il primo amore può lasciare una serie di impronte chimiche nel cervello a causa delle intense emozioni e dell’esperienza coinvolgente. Alcuni dei neurotrasmettitori e degli ormoni coinvolti includono:

  1. Dopamina: questo neurotrasmettitore è associato alle sensazioni di piacere e ricompensa. Durante il periodo dell’innamoramento, il cervello rilascia elevate quantità di dopamina, contribuendo alla sensazione di euforia e felicità associate al primo amore.
  2. Ossitocina: conosciuta anche come “ormone dell’amore” o “ormone dell’abbraccio”, l’ossitocina è coinvolta nel rafforzamento dei legami sociali e nell’aumento dell’affetto tra le persone. L’innamoramento può causare il rilascio di ossitocina, contribuendo a legami emotivi profondi.
  3. Serotonina: questo neurotrasmettitore è collegato al controllo dell’umore e delle emozioni. Durante l’innamoramento, i livelli di serotonina possono variare, influenzando l’umore e l’ossessione per il partner.
  4. Norepinefrina: questo neurotrasmettitore è coinvolto nella regolazione dell’attenzione e delle emozioni. Durante l’innamoramento, la norepinefrina può aumentare, causando la sensazione di “farfalle nello stomaco” e l’ipervigilanza nei confronti del partner.
  5. Cortisolo: noto come l’“ormone dello stress”, il cortisolo può anche giocare un ruolo nell’innamoramento. L’emozione intensa dell’innamoramento può influenzare i livelli di cortisolo nel corpo.
Ti può interessare  Non riuscire a dimenticare niente fa male al benessere psicofisico

Questi neurotrasmettitori e ormoni lavorano insieme per creare un cocktail chimico che produce l’intensità delle emozioni associate al primo amore. Queste esperienze lasciano un’impronta neurochimica che può influenzare la memoria, le emozioni e il modo in cui le persone affrontano le relazioni future.

Come superare un primo amore dal quale non si è riusciti a andare avanti

Alcuni consigli degli esperti in psicologia comportamentale e cognitiva per dimenticare il primo amore, sono i seguenti:

  1. Creare un addio formale: si suggerisce di elaborare un modo strutturato per lasciar andare la relazione. Questo potrebbe includere scrivere una lettera di addio a se stessi o al proprio ex partner, bruciare oggetti legati alla relazione in una cerimonia simbolica o condividere i propri sentimenti con gli amici.
  2. Partecipare a un gruppo di supporto: unirsi a un gruppo di supporto può stimolare neurotrasmettitori legati al benessere, riducendo il senso di solitudine e offrendo opportunità per interazioni sociali positive.
  3. Guardare avanti: evitare di cercare di riconnettersi con il primo amore, specialmente se le circostanze di vita sono cambiate. Si sottolinea che trattenersi a una versione passata di una persona può ostacolare il progresso e rafforzare ricordi distorti.
  4. Preparare il cervello al presente: concentrarsi su ciò che è positivo nella vita attuale e su come si è cresciuti emotivamente, fisicamente o mentalmente. Questo aiuta a spostare l’attenzione dal passato al presente e futuro.

Dunque, bisogna considerare che per superare un primo amore che ha lasciato un’impronta indelebile nella nostra psiche, si possono attuare delle tecniche strutturate, di supporto sociale e di focalizzazione sul presente.

(Fonti: bustle.com)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.