Il significato della vita – Insegnamenti di Gurdjieff (Prieuré, 9 febbraio 1923)

Tratto da “Gurdjieff’s Early Talks 1914-1931

Qual è il significato della vita? Ci sono molte opinioni su questo argomento. “Loro” dicono: è per il perfezionamento di sé, o il sacrificio di sé, o una preparazione per la vita futura, o un miglioramento dell’umanità, o anche che non ha alcun significato.

Tutte queste opinioni cercano il significato della vita al di fuori della vita stessa. Bisogna guardare dentro se stessi.

Il vero significato della vita è la “conoscenza”. Tutta la vita, tutta l’esperienza, porta alla “conoscenza”. Il mondo è tutto ciò che esiste. L’uomo, nel prendere coscienza, diventa cosciente di se stesso e del mondo di cui fa parte. La funzione della coscienza è quella di prendere coscienza della propria e della sua stessa esistenza.

La relazione con se stessi e con il mondo: questa è “connaissance”, o conoscenza. Tutti gli elementi della psiche dell’uomo – percezioni, sensazioni, concezioni, idee, emozioni – sono strumenti di conoscenza.

Tutte le emozioni, dalle più semplici alle più complesse – religiose, morali, artistiche – sono strumenti di conoscenza. Secondo la teoria della “lotta per l’esistenza”, è la sopravvivenza del più adatto a creare l’intelletto e le emozioni, e questi sono al servizio della vita.

In realtà, questi non sono casuali; hanno un ruolo nella creazione e sono il prodotto di un’intelligenza di cui non sappiamo nulla; e conducono alla conoscenza. Ma non discerniamo la presenza del razionale nei fenomeni e nelle leggi della vita. Studiamo una parte e non il tutto. Quando comprendiamo che ogni vita è la manifestazione di una parte del tutto, si aprirà la possibilità di comprensione.

Per comprendere la razionalità dell’insieme, è necessario comprendere il carattere di tutto e tutte le sue funzioni. La funzione dell’uomo è la conoscenza; ma se non si comprende l’uomo nel suo insieme, non si comprenderà la sua funzione.

La molteplicità della vita è manifestazione di una più grande e unica entità

Le nostre vite separate sono la manifestazione di qualche grande entità.

Ti può interessare  Frase del 27 Maggio 2024: Onesto è colui che non manipola la verità

Un albero è la manifestazione del regno fisico dell’impero organico. Le nostre vite non hanno altro significato se non il processo attraverso il quale acquisiamo conoscenza. Il processo di acquisizione della conoscenza non avviene solo attraverso l’intelletto, ma attraverso tutto il nostro organismo e l’organizzazione della vita, cultura, civiltà… E noi acquisiamo la conoscenza di ciò che meritiamo di sapere. Tutti concordano sul fatto che lo scopo dell’intelletto è la conoscenza.

Tutte le emozioni sono strumento di conoscenza

Ma non abbiamo chiare le nostre emozioni: gioia, rabbia, gelosia, piacere, creazione artistica; non vediamo che tutta l’attività, tutte le emozioni, servono alla conoscenza. Crediamo che la creazione richieda conoscenza, ma in che modo è utile alla conoscenza? In che modo le emozioni religiose sono al servizio della conoscenza? Ci opponiamo all’emozione e alla ragione. Parliamo di fredda ragione, di intelletto superiore all’emozione. Questo è un errore di definizione. Anche l’intelletto, preso nel suo insieme, è emozione.

Abbiamo l’abitudine di dire che è possibile dominare il sentimento con la ragione, o con la volontà, o con il dovere. Un sentimento può essere dominato solo da un altro sentimento, un sentimento più forte e superiore. Un soldato muore per la sua patria non per abitudine all’obbedienza o al dovere, ma perché il sentimento della paura è stato vinto da sentimenti superiori. La ragione provoca pensieri le cui immagini evocano emozioni che vincono un sentimento speciale. La ragione non ha limiti: solo gli esseri umani hanno limiti.

La vera ragione è l’aspetto interiore di un essere.

Nell’uomo la crescita della coscienza consiste nella crescita dell’intelletto e nella crescita delle emozioni superiori che l’accompagnano (estetiche, religiose, morali); crescendo, diventano più intellettuali e, allo stesso tempo, l’intelletto assimila le emozioni.

Come nasce la spiritualità?

La “spiritualità” è una fusione dell’intelletto con le emozioni superiori.

Un nuovo ordine di ricettività nasce dall’unione dell’intelletto e delle emozioni superiori, ma non è creato da queste. Un albero nasce dalla terra, ma non è creato dalla terra. È necessario un chicco di grano. Il chicco di grano può esserci oppure no. Se è lì, allora può essere coltivato. L’uomo oggi comprende molto con l’intelletto, ma anche con i sentimenti.

Ti può interessare  Ramana Maharshi: rimanere testimoni di qualunque cosa accada

Per mezzo di ogni sentimento l’uomo comprende qualcosa che non potrebbe comprendere senza il suo aiuto. Se pensiamo che le emozioni siano al servizio della vita e non della conoscenza, non comprenderemo mai le emozioni. Ci sono cose e relazioni che possono essere comprese solo emotivamente e solo con determinate emozioni. Bisogna amare per comprendere chi ama. Eccetera.

Non ci conosciamo perché viviamo con sentimenti (emozioni) diversi. Determinati sentimenti corrispondono a una certa specifica comprensione. La comprensione reciproca, o l’illusione della comprensione reciproca, è il fascino dell’amore. Le emozioni sono le finestre del vetro colorato dell’anima, attraverso le quali l’anima guarda il mondo.

A un’illuminazione parziale corrisponderà una percezione parziale. Non c’è niente di così chiaro e niente di più ingannevole delle emozioni.

La Scala degli Idioti di Gurdjieff
I 21 gradini dell’evoluzione spirituale

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

€ 12,00

Ogni sentimento ha la sua ragion d’essere

Ogni sentimento ha la sua ragion d’essere.

Alcuni sono importanti per la conoscenza, altri la ostacolano; sebbene teoricamente tutte le emozioni servano alla conoscenza. Ad esempio, la paura: certe relazioni si conoscono solo attraverso la paura; questo è il modo in cui la natura controlla le forze della vita: la paura della fame fa lavorare.

Guardate l’atteggiamento del mammifero nei confronti del serpente: il serpente provoca paura e repulsione. Attraverso questo timore il mammifero conosce la natura del serpente e il rapporto di questa natura con la sua, correttamente, ma in modo strettamente personale.

Ma che cosa sia realmente il serpente, il mammifero non può saperlo attraverso l’emozione della paura; può saperlo solo tramite l’intelletto.

Emozioni pure e impure

Il mutamento delle emozioni costituisce un ostacolo all’acquisizione di un “io”. Il segno della crescita dell’emozione è la liberazione dall’elemento personale. L’emozione personale inganna, è parziale, ingiusta.

Più grande è la conoscenza, meno elementi personali saranno contenuti in essa. La cosa molto difficile è sentire in modo impersonale. Non tutte le emozioni si liberano facilmente dall’elemento personale. Alcune, per loro stessa natura, sono corrotte, separate. Altre, come l’amore, conducono l’uomo dal materiale al miracoloso.

Ti può interessare  Raja Yoga: significato, benefici, scopo della pratica

Può esserci un’invidia impersonale; per esempio, l’invidia per chi ha vinto se stesso. Un odio impersonale: l’odio dell’ingiustizia, della brutalità. Rabbia impersonale contro la stupidità, l’ipocrisia. È attuale parlare di emozioni “pure” e “impure”; ma non sappiamo come definire la loro differenza.

Un’emozione pura è quella che non è mescolata, che non cerca mai il profitto personale. Un’emozione impura è sempre mista, non è mai una; è mescolata con il profitto personale, con elementi personali; ha sedimenti di altre emozioni. Un’emozione impura non dà conoscenza, o dà solo conoscenza confusa. Non fa luce.

Noi consideriamo i sentimenti impuri dal punto di vista generalmente chiamato “morale”. Ogni emozione può essere pura o impura; cioè miscelata o non mescolata.

Gelosia, invidia, amor proprio, paura: questi possono essere sentimenti puri. Esiste anche una sensualità che può essere pura, come quella del Cantico dei Cantici, la quale fornisce la pulsazione del movimento fisico dell’universo.

L’amore per la scienza può essere puro, oppure mischiato al profitto personale. Le manifestazioni esterne delle emozioni pure e impure possono essere le stesse. Ad esempio, due uomini che giocano a scacchi: il loro aspetto esteriore è lo stesso, ma uno si preoccupa solo di risolvere un problema, e l’altro cerca un profitto personale. Lo stesso vale per l’arte, la letteratura, ecc. L’amore per l’attività è un sentimento degno quando è puro. Ma ciò che accade, invariabilmente, è che diventa miscelato. Una persona inizia con un certo obiettivo, ma nel corso dell’azione la direzione cambia. Entrano l’orgoglio, la vanità, l’ambizione personale.

Non appena si vuole trarre un profitto personale dalla propria attività, il sentimento diventa impuro.

Questo è ciò che accade ai nostri sentimenti più elevati: amore, fede, carità. Si mescolano con elementi personali; diventano impuri. E la purezza del sentimento non si limita alla bontà e alla dolcezza. Vediamo odio e violenza nel gesto di Cristo quando scaccia i cambiavalute dal tempio. L’odio può essere un sentimento puro. Ma non deve avere nulla di personale collegato ad esso.

Tutta le creazioni, tutte le forme d’arte, erano originariamente strumenti di conoscenza.

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership