Drago significato del simbolo alchemico, psicologico, mitologico.

Il simbolo del drago è uno dei più antichi e ricchi di significato nelle diverse culture del mondo. Esso può assumere varie interpretazioni esoteriche, psicologiche e mitologiche, a seconda della tradizione e del contesto in cui viene considerato.

Tra le bestie mitiche delle leggende e delle storie del mondo, il drago è il più feroce e il più ammirato di tutti. Dall’epica antica alle fantasie moderne, il drago ispira soggezione, meraviglia e fantasia nell’immaginazione dell’umanità.

Di seguito sono riportati alcuni dei significati più comuni associati al simbolo del drago:

  1. Esoterico:
    • Potere e forza sovrumana: il drago è spesso visto come un essere potente e immensamente forte, rappresentando l’ascesa spirituale e la capacità di superare gli ostacoli.
    • Protezione: in alcune culture, il drago è considerato un protettore, un guardiano o un custode dei segreti e delle saggezze nascoste.
    • Trasformazione: il drago è associato alla metamorfosi e alla trasformazione, simboleggiando la capacità di cambiamento e crescita personale.
  2. Psicologico:
    • Istinti e desideri repressi: il drago può rappresentare i desideri o istinti interiori repressi, che possono emergere come una forza incontrollabile se non affrontati consapevolmente.
    • Paura e confronto interiore: la figura del drago può riflettere paure e sfide interne che devono essere affrontate per raggiungere l’equilibrio psicologico.
    • Energia primordiale: il drago simboleggia spesso l’energia primordiale e l’istinto animale, che devono essere riconosciuti e integrati nell’individuo.
  3. Mitologico:
    • Sapienza e saggezza: in alcune mitologie, il drago è un custode della saggezza e della conoscenza segreta, rappresentando una figura che possiede una vasta intelligenza e una profonda comprensione dell’universo.
    • Nemico della divinità: in altre tradizioni, il drago è visto come un nemico della divinità o dell’ordine cosmico, che deve essere sconfitto o domato per preservare l’armonia.

Va tenuto presente che il significato specifico del drago può variare a seconda della cultura e del contesto storico. Ad esempio, in alcune tradizioni asiatiche, come in Cina e Giappone, i draghi sono visti come creature benevole e portatrici di fortuna, mentre in alcune leggende europee, i draghi sono associati a pericoli e avversità.

Inoltre, il significato personale che una persona attribuisce al simbolo del drago può essere molto soggettivo e basato sulle proprie esperienze, credenze e associazioni culturali. Quindi, il simbolismo del drago può essere interpretato in modo diverso da individuo a individuo.

Drago significato alchemico

Nel simbolismo alchemico i draghi sono associati al fuoco e al materiale caotico primordiale. Il concetto occidentale di draghi è di ritrarli come animali di fuoco che vomitano fuoco. Qualcosa da odiare, temere e distruggere.

Tuttavia, in Estremo Oriente questi tratti negativi sono ridotti al minimo e il simbolismo è ambivalente. Nell’iconografia, ad esempio, due draghi sono raffigurati uno di fronte all’altro, e soprattutto nell’ermetismo europeo e islamico questo confronto è raffigurato come simile ai serpenti del caduceo.

Questa è la neutralizzazione delle tendenze opposte, dello zolfo alchemico e del mercurio; mentre la natura immanente e non sviluppata è rappresentata come nell’ouroboros, il drago che si morde la coda.

Anche in Estremo Oriente il drago possiede aspetti diversi, in quanto è contemporaneamente creatura dell’acqua, della terra, degli inferi e dei timidi. Questo lo rende simile al Quetzalcoatl, il serpente piumato azteco.

Simbolismo da Mysterium Coniunctions di Carl G. Jung : il drago è la personificazione dello zolfo ed è di gran lunga l’elemento maschile. Poiché si dice che il drago si fecondi inghiottendo la sua coda, allora la coda è l’organo maschile e la bocca è l’organo femminile.

Il drago consuma tutto il suo corpo nella sua testa. Così, partecipando alla sua natura più pericolosa e malvagia trasformandola nel fuoco interiore di Mercurio.

Questa malvagia natura di drago che condivide lo zolfo è spesso chiamata «testa di drago» (caput dragonis), che è un «veleno molto pernicioso», un vapore velenoso espirato dal drago volante.

Tuttavia, il «drago alato» che sta per mercurio diventa un mostro che sputa veleno solo dopo essersi unito al «drago senza ali» che corrisponde allo zolfo.

In termini psicologici questi due draghi rappresentano gli opposti; il drago alato cerca di impedire al drago senza ali di volare. Sono sempre in competizione fino a quando il drago senza ali non vola, a simboleggiare la conquista di uno o più ostacoli che impediscono l’individualizzazione totale.

Ti può interessare  Frase di Jung: Tutto ciò che ci irrita negli altri, può portarci a capire noi stessi

In altre parole, il drago alato rappresenta gli ostacoli personali che devono essere superati per assicurare un essere più perfetto; così, portando al detto: «Tu vinci il drago o lui ti vincerà»

Drago significato alchemico

Drago significato in psicologia

Dal punto di vista psicologico, il drago ha un significato profondo e rappresenta molto più di un semplice simbolo. Esso infatti si lega a concetti come l’individuazione e la trasformazione, fungendo da guida nel percorso di crescita personale.

Nella psicologia jungiana, il drago è associato all’archetipo del mostro. Secondo Jung, l’immaginario collettivo si manifesta attraverso simboli universali, come il drago, che rappresenta l’energia primordiale dell’individuo e l’istinto vitale (instinctus). Il drago simboleggia l’aspetto oscuro e primitivo dell’individuo, che deve essere domato e integrato per raggiungere l’individuazione.

Il mito del drago appare in diverse mitologie, rappresentando la lotta tra l’essere umano e le forze oscure della natura e dell’inconscio. Questo simbolo rappresenta la sfida di confrontarsi con il lato più oscuro della propria psiche e cercare di trovare equilibrio e armonia all’interno di sé.

Jung e l'Immaginario Alchemico

Voto medio su 1 recensioni: Buono

€ 25,50

Il suo vero significato psicologico è rappresentare le forze primordiali, istintuali e potenti presenti all’interno di noi stessi. Cercare il contatto con il proprio drago significa entrare in comunicazione con quelle parti di noi che spesso tendiamo a reprimere o nascondere, come la rabbia, la passione e l’energia vitale.

Conoscere il drago interiore ci permette di sviluppare la consapevolezza di noi stessi e di riconoscere le nostre potenzialità, ma richiede anche coraggio e impegno nella ricerca interiore. Il simbolismo del drago esprime le forze interiori istintuali e potenti che risiedono in ognuno di noi, ma spesso sono represse o nascoste. Pertanto, l’esplorazione del drago interiore richiede coraggio e impegno, ma permette di sviluppare la consapevolezza di sé e di riconoscere le proprie potenzialità.

Ouroboros, disegno di Victor Molev

Il drago simbolo in psicanalisi

Il drago è un simbolo ricorrente nella psicoanalisi fin da quando Carl Gustav Jung ha introdotto la sua teoria degli archetipi. Secondo Jung, il drago rappresenta l’ombra dell’individuo, ovvero quegli aspetti della personalità repressi e ignorati per adeguarsi alle norme sociali.

Al contrario, Sigmund Freud interpreta il drago come un simbolo del desiderio sessuale represso e della libido.

Tuttavia, in entrambe le teorie, il drago rappresenta una forza primordiale e irrazionale che deve essere integrata e assorbita per raggiungere la completa individuazione. In altre parole, il confronto e l’accettazione del lato oscuro e irrazionale di sé stessi è essenziale per il processo di crescita e sviluppo personale.

Si può affermare che il simbolo del drago esercita un potere molto suggestivo nella psiche umana, evocando emozioni profonde. Nella terapia psicanalitica, può essere utilizzato come strumento per lavorare con le emozioni e i traumi, rappresentando l’energia vitale e la forza necessaria per superare le difficoltà.

Psicologia e Alchimia
€ 27,00

Questo archetipo ha un ruolo nel fortificare l’identità e nell’aumentare l’autoconsapevolezza. Lavorando sul simbolismo del drago, si possono migliorare le risposte al dolore e allo stress, promuovendo la sicurezza interiore. E’ un’immagine molto versatile che può essere adattata alle specifiche esigenze del paziente.

Rebis risultato della Grande Opera alchemica

Drago significato mitologico

I draghi sono spesso collegati alla fantasia e alla magia. Spesso le fiabe usano i draghi come mostri da temere. Le principesse sono protette dai draghi, i cavalieri sono destinati a uccidere i draghi e i regni fantastici sono abbattuti dalla potenza e dal potere dei draghi.

Gli studiosi di mitologia sembrano tutti concordare sul fatto che la credenza nei draghi probabilmente si sia evoluta in modo indipendente sia in Europa che in Asia, e forse anche nelle Americhe e in Australia. Molti li hanno persino ipotizzati come animali della “vita reale” ispirando i primissimi racconti sui draghi.

Sembra che gli antichi possano aver scoperto fossili di dinosauro, ossa di balena o combinazioni di ossa di grandi predatori, e comprensibilmente interpretarli erroneamente come resti di draghi.

Nei miti, nelle leggende e nelle favole, il simbolo del drago può avere più associazioni:

  • Può essere associato alla sensazione di prigionia o essere raffigurati come guardiani di tesori, collegandoli all’avidità e all’egoismo.
  • In alcune culture, i draghi sono associati al controllo delle forze naturali, come le tempeste o i venti, e quindi simboleggiano i poteri leggendari della natura.
  • Nei contesti delle fiabe, i draghi possono rappresentare l’innocenza, l’immaginazione e l’infanzia, nonché la maestosità e la regalità.
  • Sono spesso legati all’elemento del fuoco, simboleggiando sia la distruzione che la rinascita e la purificazione.
  • Talvolta, i draghi sono associati al male, al diavolo o all’inganno, e possono essere collegati al concetto biblico di peccato.
  • Poiché i draghi sono i cattivi per eccellenza in molte fiabe, essi rappresentano, a volte, le avversità invincibili. I draghi sono spesso il simbolo delle circostanze difficili che bisogna superare per avere successo.
Ti può interessare  Effetto Dunning-Kruger: psicologia, esempi, test quanto ti sopravvaluti?

In un mito greco, l’eroe, Eracle, ha il compito di rubare le leggendarie mele d’oro dal Giardino delle Esperidi. Questo compito potrebbe non sembrare troppo difficile, ma Eracle deve prima vedersela con il mostro, Ladon, prima che possa accedere alle mele. Ladon è solitamente raffigurato come un mostro simile a un serpente con molte teste. 

Beowulf, l’eroe di uno dei più antichi poemi epici della storia umana, alla fine combatte un temibile drago all’interno del suo tesoro. In entrambe queste antiche storie, l’eroe contende con un potente drago i tesori nascosti nel suo rifugio. In queste rappresentazioni, i draghi sono associati all’avidità e all’egoismo. 

I draghi sono anche molto spesso considerati il ​​simbolo supremo dell’avarizia e dei comportamenti di accaparramento.

Il Drago nella cultura dei nativi americani

La maggior parte delle leggende dei nativi americani trattano i draghi come mostri spaventosi che sono collegati con la natura selvaggia. Si trovano nelle zone più remote e pericolose e si pensa che portino morte e sfortuna alle persone abbastanza sfortunate da incrociarle. In molte storie, questi draghi sono dotati di parti del corpo, come corna o scaglie, che sono ambite per il loro uso in medicina.

Due creature leggendarie sono:

  1. Amhuluk: secondo i popoli nativi dell’Oregon, l’Amhuluk è un temibile mostro simile a un serpente che vive nelle montagne. Descritto come un serpente potente e colorato con grandi corna, si dice che utilizzi le corna per impalare le sue vittime. L’Amhuluk viene temuto e considerato una creatura pericolosa che abita in acque sacre e che prende di mira i bambini.
  2. Angont: nella mitologia dei nativi americani Huron, l’Angont è un feroce drago velenoso che vive nelle grotte desolate e nelle zone selvagge della natura. Questa creatura è considerata un rettile pericoloso e porta sfortuna ai popoli vicini. Alcuni stregoni e sciamani, tuttavia, si dice abbiano cercato l’Angont sperando di trovare cure per vari disturbi nel veleno dell’animale. Tuttavia, si credeva che la sua pelle fosse così velenosa da non poter essere trasformata in una cura, nemmeno dai medici più abili.

In entrambi i casi, questi draghi delle tradizioni native americane sono considerati creature pericolose e temute, associate a poteri distruttivi e velenosi, portatori di sventure e minacce alla comunità circostante.

Drago significato cinese e giapponese

Il drago ha un significato profondo nella cultura cinese, essendo collegato a diverse sfere simboliche. È impossibile esaurire completamente il suo significato qui, ma i punti chiave sono i seguenti:

  • il drago è associato al potere imperiale, rappresentando l’autorità e la legittimità dei governanti.
  • È simbolo di buona fortuna, portando prosperità e fortuna a coloro che ne sono influenzati.
  • I draghi sono visti come manifestazioni del potere cosmico, collegandosi alle forze della natura e al ciclo dell’universo.
  • Nella cultura cinese, il drago è uno dei dodici animali dello zodiaco, e le persone nate sotto questo segno sono considerate intelligenti e curiose.
  • Lo zodiaco del drago è associato a caratteristiche come fiducia, onore e prosperità.

Dunque, nella cultura cinese è un simbolo di grande importanza, rappresentando potenza, fortuna, saggezza e altri attributi positivi nelle credenze e tradizioni della Cina.

I Quattro Re Dragoni

I draghi sono strettamente associati all’acqua e al controllo del tempo. I “Quattro Re Dragoni” sono figure leggendarie molto importanti che sono tradizionalmente considerate i governanti dei mari e dei laghi in Cina. Ogni re drago regna su una direzione cardinale e sui rispettivi corpi d’acqua:

  1. Il “Drago Blu” (Qinglong) governa l’est e il Mar Cinese Orientale.
  2. Il “Drago Bianco” (Bailong) regna ad ovest e controlla il Fiume Giallo.
  3. Il “Drago Nero” (Xuanwu) è associato al nord ed è custode del Lago Kunming.
  4. Il “Drago Verde” (Qinglong) governa a sud e ha autorità sul Fiume Azzurro.

Questi Quattro Re Dragoni sono considerati esseri divini e protettori delle acque, responsabili del controllo delle piogge e delle stagioni. Vengono spesso invocati nelle tradizioni e nelle preghiere per garantire il buon andamento dell’agricoltura e per prevenire inondazioni o siccità.

La connessione dei draghi con l’acqua e il controllo del tempo riflette l’importanza dell’elemento acquatico nella cultura cinese, considerato una fonte di fertilità, prosperità e armonia. I draghi come guardiani delle acque incarnano queste qualità benefiche e diventano simboli di buona fortuna e prosperità nella mitologia cinese.

Ti può interessare  Delusione d'amore come riprendersi e superarla secondo la psicologia

Drago significato del simbolo giapponese

Un drago giapponese, noto anche come ryu o tatsu , compare per la prima volta nella mitologia giapponese già nel 680 dC . In effetti, si ritiene che i draghi giapponesi siano gli antenati del primo imperatore del Giappone che rivestono importanza e significato come simbolo per l’imperatore e, pertanto, sono molto rispettati e onorati nella società giapponese.

C’è una famosa leggenda su un re drago, che si dice viva in uno stagno a Shinzen’en , il giardino imperiale di Kyoto. Durante i periodi di siccità nei tempi antichi, i monaci buddisti vi tenevano cerimonie per convincere il re drago ad alzarsi e portare la pioggia. Forse è per questo che i draghi sono associati alla pioggia e hanno il pieno controllo su un buon raccolto; che rappresenta la ricchezza e l’abbondanza.

Un’altra convinzione è che i draghi abbiano il potere di trasformarsi in qualsiasi forma e dimensione, rendendoli creature capaci di poteri magici e trasformazione; apparendo in molte forme drammaticamente fantastiche.

Tutto sommato, i draghi giapponesi sono i benefattori e i protettori dell’umanità; guardiani potenti e saggi che ci proteggono dai pericoli universali e trasmettono la loro saggezza. Simbolo di buona fortuna, ci portano felicità, offrendoci forza e coraggio ad ogni svolta importante della nostra vita.

Il Drago nella tradizione cristiana

In tutta la Bibbia, i draghi appaiono come simboli del male, del peccato e del deserto desolato. I riferimenti ai draghi come simboli delle forze del male sono frequenti in tutta la Bibbia. L’aspetto più noto dei draghi nella Bibbia è il seguente:

E apparve un grande prodigio in cielo; una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle: ed essendo incinta piangeva, partoriva e soffriva per il parto. E apparve un’altra meraviglia in cielo; ed ecco un gran dragone rosso, con sette teste e dieci corna, e sette corone sulle teste. E la sua coda trasse la terza parte delle stelle del cielo e le gettò sulla terra: e il dragone si fermò davanti alla donna che stava per partorire, per divorare il suo bambino non appena fosse nato. (Apocalisse 12:1-4)

Il drago descritto in questo passaggio della Bibbia è uno dei dettagli che è simbolo della fine dei tempi. Questo drago è l’incarnazione del male ed è spesso pensato come l’incarnazione di Satana stesso. 

Drago celtico. Svetlin Velinov

Significato Drago celtico

I draghi rappresentano tipicamente la regalità nei miti celtici. Sono spesso considerati temibili nemici da conquistare per gli eroi.

Nel simbolismo celtico, il drago è un importante emblema per il popolo gallese, tanto da essere rappresentato sulla bandiera del Galles con un grande drago rosso. Nella leggenda di Lludd e Llewelys, un antico racconto gallese, il re Lludd deve affrontare tre piaghe che minacciano il suo regno.

  1. La prima piaga riguarda una razza di nemici ostili che invadono la terra. Seguendo il consiglio di Llewelys, Lludd riesce a sconfiggere i nemici avvelenandoli e supera questa minaccia.
  2. Successivamente, compare una coppia di draghi temibili sopra il regno, impegnati in una battaglia interminabile. Durante questo conflitto, i due draghi si trasformano in una varietà di creature.
  3. Lludd riesce a sconfiggere questi draghi attirandoli in un calderone pieno di idromele e quindi li seppellisce.

Il drago in questa leggenda simboleggia forze oscure e avverse, e la sua sconfitta rappresenta la vittoria del bene e dell’armonia sul male e il caos. La presenza del drago nella cultura celtica può essere intesa come una metafora per le sfide e le minacce che il popolo gallese doveva affrontare nella sua storia, e come un simbolo di protezione e vittoria sulla negatività.

Il Drago nel simbolismo egizio

Nella mitologia egizia, Apep, o Apophis, è un grande serpente temibile considerato il nemico del dio del sole, Ra. La leggenda narra che ogni giorno Ra guidava la sua barca attraverso il cielo per portare l’alba. Tuttavia, Apep aveva il desiderio di distruggere Ra e attaccava la sua barca quotidianamente nella speranza di fermare l’alba e portare caos al mondo.

Significato del Drago nei sogni

Sognare draghi può avere diverse interpretazioni simboliche:

  • rappresentano ambizioni o ostacoli che il sognatore deve superare.
  • Indicano un desiderio di vincere le sfide e raggiungere obiettivi nuovi o rinnovati.
  • Simboleggiano la fantasia e la fuga, riflettendo il desiderio di avventura e spontaneità.
  • Possono avvertire sulla tendenza all’avidità o all’accaparramento, suggerendo che i veri tesori della vita risiedono nei ricordi e nelle relazioni significative.
(Fonti consultate: https://worldbirds.com; themystica.com; starpet.it)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.