28 Dicembre frase di oggi sul seguire l’intuizione.

Dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

Steve Jobs

Cos’è l’intuizione secondo la psicologia? 

L’intuizione non è logica. Non è il risultato di un insieme di passaggi ponderati che possono essere condivisi o spiegati. Invece, si basa su una conoscenza profonda, il processo sembra naturale, quasi istintivo.

Eppure, sebbene l’intuizione sia rapida e generalmente benefica, non è sempre del tutto accurata. Il cervello subconscio tenta di riconoscere, elaborare e utilizzare schemi di pensiero basati sull’esperienza precedente e su una migliore ipotesi.

Paradossalmente, l’intuizione sembra inconoscibile. Dopotutto, non puoi spiegare il pensiero dietro una decisione improvvisa che appare dal nulla.

Succede e basta.

L’intuizione si riferisce in genere all’uso di una conoscenza che non è esplicita e nella cultura popolare potrebbe essere descritta come una “intuizione” o “intuizione femminile”.

Quando accade, è difficile quantificare o definire, ma c’è. Come con il seguente pensiero:

Avevo la sensazione che ci fosse qualcosa che non andava; semplicemente non sembrava se stessa.

Hogarth (2010) suggerisce che ” l’essenza dell’intuizione o delle risposte intuitive è che vengono raggiunte con uno sforzo apparente minimo e tipicamente senza consapevolezza cosciente. Implicano poca o nessuna deliberazione cosciente. 

Seymour Epstein (2010) offre un’ulteriore intuizione complementare: L’intuizione implica un senso di sapere senza sapere come si sa “ basato sull’elaborazione inconscia delle informazioni.

Anche le intuizioni sembrano essere olistiche: combinano intuizioni da più fonti e spesso richiedono un salto nel pensiero basato su informazioni limitate.

Ti può interessare  20 Febbraio frase di oggi sul non farsi influenzare negativamente

Il processo di riconoscimento – una funzione evoluta fondamentale – è cruciale per l’intuizione. Appare separato dalle altre parti della memoria umana nel cervello, in grado di persistere nelle condizioni più difficili con una precisione sufficiente per scopi pratici.

L’intuizione sembra basarsi sull’automazione del processo decisionale.

I compiti appena appresi spesso si basano su conoscenze dichiarative; dobbiamo considerare consapevolmente ogni mossa o azione. Come risultato della pratica e dell’apprendimento, questa conoscenza diventa automatizzata o procedurale. Tali compiti vengono eseguiti senza un intervento cosciente, risparmiando una notevole potenza di elaborazione e liberando la mente per concentrarsi su azioni più intense o di nuova acquisizione.

L’intuizione è importante?

In una parola, sì.

L’intuizione offre una riduzione del carico cognitivo generale e la capacità di rispondere istantaneamente fornendo fiducia nelle nostre conoscenze e nel processo decisionale, anche se può sfidare l’analisi (Hogarth, 2010).

Tale pensiero automatico può trarre vantaggio o essere ostacolato dall’esperienza.

L’intuizione ci aiuta a sopravvivere fornendo risposte rapide che, di solito, offrono un’azione appropriata e immediata per affrontare una situazione. Tali risposte dipendono fortemente dal “capitale culturale”, apprendimenti specifici dell’ambiente in cui ci troviamo.

Sebbene questo di solito ci aiuti, può portare a pregiudizi e pregiudizi nel nostro processo decisionale – basato su religione, cultura, ambienti sociali, morali e persino politici – e potrebbe essere necessario contrastare il pensiero razionale.

In effetti, “l’intuizione può essere educata in modo esplicito“, afferma Hogarth (2010). Modificando il contenuto e l’ambiente che circonda il nostro apprendimento, possiamo propendere per giudizi più accurati, meno di parte e intuitivi.

Istinto, logica o intuizione?

Sebbene l’intuizione sia definita come arrivare alla conoscenza senza fare affidamento sulla ragione o sull’inferenza (Epstein, 2010), differisce dall’istinto.

Ti può interessare  21 Agosto frase di oggi: scegliere bene a cosa dare valore nella vita

Quest’ultimo è cablato, è una risposta meno flessibile e più diretta agli stimoli.

Secondo Merriam-Webster, l’istinto è “una tendenza in gran parte ereditabile e inalterabile di un organismo a dare una risposta complessa e specifica agli stimoli ambientali senza coinvolgere la ragione“.

Pertanto, è probabile che comporterà un’elaborazione meno complicata o profonda. L’istinto è innato, ereditato e cablato nei circuiti del nostro cervello come risultato di milioni di anni di evoluzione.

Se un leone ruggisce e io non me ne accorgo in piedi dietro di me, salto, mi giro e, molto probabilmente, corro verso le colline. Questa azione è più primaria che intuitiva o analitica, anche se molto probabilmente ci sono sfumature di grigio.

La logica è analitica: la considerazione razionale di un problema. Per completare le nostre tasse, facciamo affidamento sull’elaborazione di ogni domanda, completando ogni casella e facendo riferimento a fogli di calcolo, note adesive o scatole di ricevute. È improbabile che i consulenti fiscali apprezzino il completamento utilizzando un sentimento intuitivo e istintivo riguardo a quanto dobbiamo.

(Fonte: positivepsychology.com)
Calendario filosofico con frase del giorno oggi 28 Dicembre 2022

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.