Adi Shankara frasi Advaita Vedanta

“Non essere orgoglioso della ricchezza, delle persone, delle relazioni e degli amici, o della giovinezza. Tutto questo viene strappato dal tempo in un batter d’occhio. Rinunciando a questo mondo illusorio, conosci e raggiungi il Supremo.”

Il mondo, come un sogno pieno di attaccamenti e di avversioni, sembra reale fino al risveglio.

La realtà può essere vissuta solo con l’occhio della comprensione, non solo da uno studioso.

Non guardare nessuno in termini di amico o nemico, fratello o cugino; non sprecare le tue energie mentali in pensieri di amicizia o inimicizia. Cercando il Sé ovunque, sii amabile e equanime verso tutti, trattando tutti allo stesso modo.

Sapendo che sono diverso dal corpo, non ho bisogno di trascurare il corpo. È un veicolo che uso per negoziare con il mondo. È il tempio che ospita il Puro Sé interiore.

Anche dopo che la Verità è stata realizzata, rimane quella forte e ostinata impressione che uno sia ancora un ego: l’agente e lo sperimentatore. Questo deve essere accuratamente rimosso vivendo in uno stato di costante identificazione con il supremo Sé non duale. Il Risveglio Pieno è l’eventuale cessazione di tutte le impressioni mentali dell’essere un ego.

Frena i tuoi sensi e la tua mente e guarda il Signore nel tuo cuore.

Come l’oro purificato in una fornace perde le sue impurità e raggiunge la sua vera natura, la mente si sbarazza delle impurità degli attributi di illusione, attaccamento e purezza attraverso la meditazione e raggiunge la Realtà.

Parlare ad alta voce, profusione di parole e possedere abilità nell’esporre le scritture sono solo per il divertimento dei dotti. Non portano alla liberazione.

Per essere libero dalla schiavitù, la persona saggia deve praticare la discriminazione tra il Sé e il sé dell’ego. Solo in questo modo diventerai pieno di gioia, riconoscendo il Sé come Puro Essere, Coscienza e Beatitudine.

Rinunciate all’identificazione con questa massa di carne così come con ciò che la crede massa. Entrambe sono immaginazioni intellettuali. Riconosci il tuo vero sé come consapevolezza indifferenziata, non influenzata dal tempo, passato, presente o futuro, ed entra nella Pace.

C’è dolore nella finitezza. Il Sé è al di là del tempo, dello spazio e degli oggetti. È infinito e quindi della natura della felicità assoluta.

Il tesoro che ho trovato non può essere descritto a parole, la mente non può concepirlo.

Non ti identifichi mai con le ombre proiettate dal tuo corpo, o con il suo riflesso, o con il corpo che vedi in sogno o nella tua immaginazione. Quindi non dovresti nemmeno identificarti con questo corpo vivente.

Che cos’è l’indagine sulla Verità? È la ferma convinzione che il Sé è reale e tutto, a parte Quello, è irreale.

Come un sasso, un albero, una paglia, un grano, una stuoia, un panno, una pentola, e così via, quando vengono bruciati, vengono ridotti a terra (da cui provengono), così il corpo e i suoi organi di senso, essendo bruciati nel fuoco della Conoscenza, diventano Conoscenza e sono assorbiti nel Brahman, come l’oscurità alla luce del sole.

Ogni cosa tende a muoversi verso la propria natura. Desidero sempre la felicità che è la mia vera natura. La mia natura non è mai un peso per me. La felicità non è mai un peso per me, mentre lo è il dolore.

Da una chiara conoscenza della Bhagavad-gita si realizzano tutti gli obiettivi dell’esistenza umana. La Bhagavad-gita è la quintessenza manifesta di tutti gli insegnamenti delle scritture vediche.

Come l’aspetto dell’argento nella madreperla, il mondo sembra reale finché il Sé, la realtà sottostante, non viene realizzato.

Frase di Shankara sulla realizzazione del Sé

Lo spazio sembra spezzato e diverso a causa delle molte forme in esso contenute. Rimuovi le forme e lo spazio puro rimane. Così anche con il Sé Onnipresente.

Tutto il mondo manifesto delle cose e degli esseri è proiettato dall’immaginazione sul substrato che è l’Eterno Vishnu che tutto pervade, la cui natura è Esistenza-Intelligenza; così come i diversi ornamenti sono tutti fatti dello stesso oro.

Ma il jiva [essere vivente] è dotato di ego e la sua conoscenza è limitata, mentre Ishwar è senza ego ed è onnisciente.

Il testimone dei tre stati di coscienza [veglia, sogno e sonno profondo] e della natura di Esistenza-Coscienza-Beatitudine è il Sé

Chi se non l’Atman è in grado di rimuovere i legami dell’ignoranza, della passione e dell’azione egoistica?

Condividi

Shares
Ti può interessare  Se non puoi essere compassionevole verso te stesso, non potrai esserlo verso gli altri
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.