Fingere di essere la famiglia del “Mulino Bianco” aumenta lo stress durante le vacanze.

  • La pressione di essere una famiglia perfetta durante le vacanze è così grande che molti fingono e proiettano un’immagine idealizzata sui social media.
  • La positività tossica, l’eccessiva generalizzazione di uno stato ottimista applicato a tutte le situazioni, accende lo stress e nega l’autentica emozione umana.
  • Una dinamica familiare in corso di positività tossica ed evitamento porta a relazioni superficiali che possono trasformarsi in distanza e allontanamento.

Vacanze in famiglia e stress

Più di ogni altro periodo dell’anno, le vacanze riguardano l’aspettativa e la fantasia. Gli spot pubblicitari affollano ogni piattaforma multimediale, spingendo immagini di come appare la famiglia ideale, cosa stanno facendo e cosa gli piace di più. Spesso il fulcro è la tavola della cena festiva, dove i parenti di tutte le età si riuniscono gioiosamente, sorridendo l’un l’altro, facendosi generose effusioni. La famiglia si crogiola nel calore, nel conforto e nell’amore.

E non sono solo gli annunci. I post delle festività sui social media, siano essi di amici, familiari, persone care o perfetti sconosciuti, promuovono in modo aggressivo l’allegria delle festività con immagini festive e foto di famiglia allegre. Queste immagini sono reali, ma sono anche altamente curate. Gli utenti distillano le loro attività in poche parole e foto, mostrandosi consapevolmente nella luce più positiva.

La famiglia del Mulino Bianco non esiste: si finge per conformarsi a un falso modello

La pressione a conformarsi a questo falso modello – sui social media e nella vita – è così grande che molti ricorrono a fingere un’apparenza allegra, diffondendo così la “positività tossica”: l’eccessiva e inefficace ipergeneralizzazione di uno stato felice e ottimista che viene applicato a tutte le situazioni. Questa può essere una forma di “gaslighting di gruppo” (la parola dell’anno 2022 di Merriam-Webster) in cui diversi membri della famiglia tentano di negare la percezione di un’altra persona. In questa atmosfera, i membri della famiglia evitano il conflitto ed evitano qualsiasi sfida o cambiamento agendo come se i problemi in corso non esistessero. Questo comportamento crea la falsa narrativa di una famiglia.

Ti può interessare  Come migliorare il dialogo interiore per stare bene con se stessi

Come fingono i membri della famiglia

Mantenere una falsa narrazione consente ad alcuni membri della famiglia di continuare a far rispettare la propria volontà senza conseguenze, spiega Whitney Goodman, una terapista della Florida specializzata in questioni matrimoniali e familiari e autrice di “Toxic Positivity“. La positività tossica si traduce nella negazione, minimizzazione e invalidazione di esperienze ed emozioni autentiche.

Ecco alcuni modi in cui le persone si impegnano nella positività tossica:

  • Spazzare via o sorvolare sui problemi piuttosto che affrontarli.
  • Nascondere i veri sentimenti.
  • Provare senso di colpa per sentirsi tristi o arrabbiati.
  • Cercare di essere stoici e ignorare o “superare” i problemi.
  • Far vergognare gli altri quando non hanno un atteggiamento positivo.
  • Recitare citazioni di benessere (appropriate o meno).
  • Minimizzare i sentimenti altrui perché mettono a disagio la famiglia.

Quando le persone usano la positività tossica, spesso offrono di riflesso queste risposte affettuose:

  • Dopo una catastrofe: “Tutto accade per una ragione”.
  • “Guarda il lato positivo” o “Concentrati sugli aspetti positivi”.
  • “Altre persone se la passano molto peggio.”
  • Dire a un nuovo genitore: “Goditi ogni momento!”
  • Dire a un sopravvissuto a un trauma : “Non capisco perché scegli di lasciarti influenzare da questo? È successo in passato”.
  • Svergognare gli altri per aver espresso qualcosa di diverso dalla positività o per non “riprendersi” abbastanza velocemente.

Si evita il confronto

Molte famiglie si impegnano nella positività tossica chiudendo il dissenso, evitando il confronto e respingendo o ignorando le lamentele. Chiunque sfidi l’immagine di famiglia perfetta proiettata viene sfidato con queste affermazioni abilitanti:

  • “Non è stato un grosso problema!”
  • “Non è mai successo.”
  • “Sei ipersensibile.”
  • «Non intendeva in questo modo.»
  • “Hai solo un fratello/sorella.”
  • “Non puoi scherzare?”
  • “Devi imparare a lasciar andare le cose.”
  • “Ci sono due lati di ogni storia.”
  • “Sii la persona più grande.”
Ti può interessare  Come riuscire ad accettare se stessi secondo la psicologia

Perché i membri della famiglia fingono che vada tutto bene?

Fingere che vada tutto bene fa sentire al sicuro alcuni membri della famiglia, specialmente quando i parenti manipolano o controllano gli altri attraverso il gaslighting o l’abuso. Sfidare queste tattiche tossiche potrebbe portare alla discordia e molti temono una ricaduta peggiore del comportamento originale. Di conseguenza, quando qualcuno offende o finge, i membri della famiglia ingoiano le loro ferite e guardano dall’altra parte.

A peggiorare le cose, alcuni semplicemente non sanno come risolvere le differenze, non avendo mai sviluppato abilità comunicative cruciali come ascoltare, rinfrescarsi e scusarsi. Di conseguenza, piccoli disaccordi possono intensificarsi ed esplodere. In alternativa, le persone con scarse capacità di comunicazione possono semplicemente chiudersi e interrompersi quando affrontano conflitti.

“Quando qualcuno non ha capacità di risoluzione dei conflitti”, spiega Goodman, “o gli è stato insegnato che la ‘felicità’ o la positività sono l’unica opzione, possono fingere che tutto vada bene all’interno della famiglia”.

Spesso le persone emotivamente instabili e insicure ricorrono all’evitamento, rifiutandosi di riconoscere e discutere i problemi familiari. Agli estranei, tutto può sembrare perfetto e brillare allegramente, ma alcuni addetti ai lavori vedono oltre la facciata. Alla fine, i membri della famiglia possono sentire che la loro realtà è stata negata. Ma nessuno vuole sentire cosa hanno da dire, quindi non possono fare ricorso. Potrebbero sentirsi sempre più a disagio con questa falsa narrativa. Col tempo, queste relazioni sembrano superficiali e non autentiche, trasformandosi in distanza e persino allontanamento.

Se c’è un narcisista in famiglia, lui o lei può dare un contributo unico alla falsa narrativa. Un narcisista si dissocerà o cancellerà completamente i ricordi, scrive Goodman. “Le persone con disturbo narcisistico di personalità (NPD) avranno difficoltà a integrare informazioni incoerenti con ciò che credono essere vero. Ciò significa che negheranno informazioni contrastanti per mantenere viva una particolare “immagine”.

Come affrontare la situazione:

Goodman e altri terapisti offrono questi suggerimenti per far fronte alla positività tossica:

  • Sii realistico su ciò che senti; cerca un significato dietro quello che stai passando.
  • Cambia il tuo comportamento e le tue reazioni.
  • Non aver paura di sfidare la persona che è tossicamente positiva.
  • Accetta il fatto che, per ragioni proprie, alcune persone non possono ammettere che ci sono problemi.
  • Stabilisci dei limiti.
  • Gestisci, ma non negare, le tue emozioni negative.
  • Concentrati sull’ascolto degli altri e sul mostrare sostegno.
  • Sappi che va bene provare più di una sensazione.
  • Metti in parole i tuoi sentimenti scrivendo su un diario o parlando con un amico.
Ti può interessare  Proverbio cinese: Non vi rattristate di non essere compresi; rattristatevi di non comprendere

Le vacanze offrono l’opportunità di scegliere se perpetuare o sfidare i miti familiari. Come scrive Goodman, “Non devi sacrificare la tua sanità mentale per mantenere la narrativa di qualcun altro”.

(Riferimenti e fonti: 
- articolo di F.S. Chapman su psychologytoday.com/; 
- Goodman, Whitney, "Everything is Not Alright,"  - sitwithwhit.substack.com/p/everything-is-not-alright)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.