La morte rende tutti uguali.

Alla fine della partita, il Re e il pedone vanno nella stessa scatola. – Charles Monroe Schulz

Aforisma alla fine della partita siamo tutti uguali

Spunti di riflessione

Questa affermazione trasmette una profonda ed essenziale verità: ciò che ci accumuna tutti è la morte! L’unico evento inevitabile e che riguarda ogni essere vivente indistintamente, è il momento in cui si abbandona la vita terrena. Tenere sempre presente questo messaggio, sarebbe fondamentale per cambiare il nostro modo di affrontare l’esistenza e l’attitudine verso gli altri.

E’ un invito a riflettere sulla natura della vita e sulla condizione umana. Nel corso della nostra esistenza, siamo soggetti a una serie di distinzioni sociali, economiche, culturali e personali che influenzano la nostra posizione e le nostre opportunità nella società. Tuttavia, di fronte alla morte, tutte queste differenze svaniscono e ci troviamo davanti alla nostra comune fragilità e finitezza.

La morte ci ricorda che, nonostante le nostre differenze terrene, siamo tutti parte della stessa esperienza umana e condividiamo un destino inevitabile. Indipendentemente dallo status sociale, dalle ricchezze o dalle realizzazioni personali, siamo tutti soggetti alla stessa fine.

Meditare su questa semplice frase ci dovrebbe far comprendere l’importanza di vivere una vita significativa e di qualità, poiché ciò che lasciamo dietro di noi è ciò che veramente conta. Le nostre azioni, le relazioni che coltiviamo e l’impatto che abbiamo sugli altri sono ciò che ci definisce veramente, più delle distinzioni esterne che abbiamo accumulato durante la nostra vita.

Allo stesso tempo, la frase ci fa riflettere sulla nostra comune umanità e a coltivare una maggiore empatia e comprensione verso gli altri. Riconoscere che la morte ci rende uguali sottolinea l’importanza di trattare gli altri con rispetto e compassione, poiché tutti affrontiamo le stesse paure, speranze e fragilità.

Ti può interessare  Leggende giapponesi sulla morte e la sua origine

Tuttavia, è anche importante notare che, mentre la morte ci unisce in un senso universale, le nostre esperienze di vita sono uniche e irripetibili. Ognuno di noi ha una storia individuale e un insieme di circostanze che ci rendono incomparabili. Pertanto, durante la nostra vita, è essenziale riconoscere e valorizzare la diversità e le peculiarità degli altri, così come le nostre stesse differenze.

In definitiva, la frase “La morte rende tutti uguali” è un invito a riconsiderare la nostra condizione umana e a dare valore all’uguaglianza, alla compassione e alla consapevolezza di sé.

Uguaglianza davanti la morte - Bouguereau égalité devant la mort 1848

‘A livella, la poesia di Totò

“Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto,statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente”

“Signor Marchese,nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..-piglia sta violenza…
‘A verità,Marché,mme so’ scucciato
‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?

Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”

(Articolo del team Pensiero del giorno)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.