Cosa vuol dire essere liberi? Riflessioni sul libero arbitrio.

Questa domanda può essere vista da almeno tre prospettive: in che modo siamo liberi? In cosa consiste il libero arbitrio? Come mai abbiamo il libero arbitrio, se lo abbiamo? Tutte le altre libertà che si presuppongono, sono subordinate e sono irrilevanti senza il libero arbitrio.

Consideriamo uno dei modi in cui possiamo considerarci liberi: liberi come un uccello o come un animale selvatico. Ma questi hanno qualche potere di scelta? Non hanno il pilota automatico, vincolati dagli istinti, dalla fame, dalla sete, dalle pressioni sociali e dalla paura? Quindi anche noi abbiamo il pilota automatico, ma con un maggior grado di scelta e una gamma più forte di vincoli: prigione, ricatto, minacce di morte?

Gli esseri umani hanno chiaramente il potere dell’autocontrollo, delle buone maniere, del tatto, dell’interesse personale illuminato; la capacità di riflettere e realizzare un piano d’azione che può essere benigno o meno, tenendo conto di come reagiranno gli altri. Ma anche nel mondo più perfetto ci saranno dei vincoli.

Dov’è il libero arbitrio in tutta questa libertà limitata? Il libero arbitrio richiede una totale autonomia di pensiero, o almeno il potere di stabilire da sé i propri principi di azione. Anche in questo caso il comportamento non sarà necessariamente in accordo con questi principi. La mia mente, e suppongo quella degli altri, è stata influenzata fin dalla nascita da ciò che gli altri comunicano. Ogni neurone che si è attivato è stato una risposta a qualche stimolo. Quindi ogni pensiero deve seguire da qualche segnale. Negli animali semplici non c’è spazio per il libero arbitrio. Una tigre mangiatrice di uomini deve essere uccisa, chiaramente, anche se sicuramente non ha fatto altro che seguire la sua natura e i suoi istinti?

Ti può interessare  Il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce: spiegazioni della frase

Il libero arbitrio è autonomia, la libertà illimitata di scegliere valori e credenze. Ma da dove viene? Dal niente? Dalla massa e dall’energia? Da un potere al di là di ogni scienza? Quindi, se ho il libero arbitrio, come mai? C’è qualcosa di profondo dentro di me – sé, Es, anima, spirito che opera indipendentemente dagli istinti? Non può esserci alcuna spiegazione del libero arbitrio da parte della scienza.

Tuttavia abiurare il libero arbitrio significa rinunciare ad ogni responsabilità e ad ogni merito per i cosiddetti risultati. L’unica spiegazione possibile per il libero arbitrio parla di un Dio che ci dà la scelta anche con notevoli limitazioni alla libertà di agire.

(James Malcolm, West Molesey, Surrey)

Libertà e scelte intenzionali

Siamo liberi nella misura in cui siamo consapevolmente e intenzionalmente in grado di fare delle scelte. Fare ciò dipende a) dalle nostre capacità decisionali e b) dalla nostra consapevolezza delle possibili opzioni. Entrambi sono inevitabilmente limitati.

Le nostre capacità di prendere decisioni possono essere compromesse e funzionare male, ma anche in condizioni ottimali le nostre capacità sono influenzate, se non per il risultato, dalle nostre storie e dai nostri ambienti individuali: biologici, sociali e culturali. Questi influenzano anche la nostra consapevolezza delle possibili alternative e ci predispongono a virare verso alcune piuttosto che altre. Naturalmente possiamo riflettere, tentare di compensare i nostri limiti, ma non possiamo uscire da noi stessi.

Pertanto, il modo in cui siamo liberi sarà fondamentalmente influenzato dall’attrezzatura da cui dipende la coscienza: il nostro essere fisico, compreso, soprattutto, il nostro cervello.

Le prove delle neuroscienze supportano l’idea che la scelta apparentemente cosciente è preceduta dall’attività neurale.

Ti può interessare  La discordia è il male più grande del genere umano, e la tolleranza ne è il solo rimedio

Quindi, invece di determinare una scelta, la nostra coscienza registra e monitora eventi di “scelta apparente”, che in realtà implica che l’attività neurale selezioni da percorsi alternativi. Questa attività tipicamente ci porta a credere di avere un libero arbitrio cosciente, anche se Blackmore, nelle sue Conversazioni sulla Coscienza , “ha concluso molto tempo fa che il libero arbitrio deve essere un’illusione…” Per lei “la sensazione di prendere decisioni libere e consapevoli semplicemente si dissolve. “ (pag.8)

Sembra chiaro che non possediamo il libero arbitrio in senso dualistico; cioè attraverso una struttura mentale indipendente da quella fisica, ma che in qualche modo controlla il fisico. Qualsiasi libertà esiste piuttosto a livello fisico, e solo nel senso che l’organismo fisico seleziona continuamente tra le opzioni disponibili in risposta a una gerarchia di bisogni mutevoli, che vanno da quelli della sopravvivenza evolutiva di base fino a bisogni, desideri, aspirazioni e complessi, generati nelle società e nelle culture, da quelle benevole a quelle malevole.

(Colin Brookes, Woodhouse Eaves, Leicestershire)

La libertà è un percorso, non una destinazione

La libertà è l’assenza di vincoli. Il tipo di vincolo che si intromette nella nostra libertà è esercitato da fattori esterni. L’autovincolo non diminuisce il libero arbitrio; lo aumenta. Partendo da questo punto di vista, ecco alcune riflessioni su come far sì che le contingenze esterne allentino la loro presa sulle nostre libertà.

Siamo liberi se diamo valore ai nostri ideali e li affrontiamo senza sosta. Dobbiamo essere in grado di identificare chi siamo, cosa rappresentiamo e cosa ci spinge a fare qualcosa.

Siamo liberi se perdiamo la nostra programmazione e ricominciamo da capo. Dobbiamo mettere in discussione tutto ciò che dentro di noi sembra essere stato messo lì dalla nostra educazione o dal nostro ambiente e sostituirlo, se necessario, con valori che abbiamo stabilito con il nostro ragionamento. Senza un’introspezione profonda e costante non possiamo sperare di essere molto più che automi che fanno ciò che le usanze della nostra tribù dichiarano opportuno che una persona faccia.

Ti può interessare  Frasi di Seneca sul non seguire il gregge

Per citare Aristotele: “Questo l’ho imparato dalla filosofia: faccio ciò che deve essere fatto non per paura della legge ma perché lo ritengo giusto”. Siamo liberi se ogni giorno tendiamo alla conoscenza. I vincoli del mondo si manifestano soprattutto sugli ignoranti.

La libertà è un percorso, non una destinazione. Nella maggior parte dei casi è il percorso più difficile che possiamo scegliere. È una battaglia costante con la saggezza convenzionale, con la società e la sua enorme inerzia e, soprattutto, è una lotta contro la nostra stessa natura. Vogliamo conformarci e adattarci alla nostra tribù e ci sentiamo inclini a rinunciare alla nostra libertà per un senso di sicurezza e conforto. Essere liberi significa quindi essere costantemente all’erta contro i propri impulsi; e la ragione è lo strumento della libertà.

(Sebastian Fisher, Vienna, Austria)

(Fonte: philosophynow.org/issues/76/How_Are_We_Free)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership