Dovunque tu vada, ci sei già: le frasi più profonde dal libro di Jon Kabat-Zinn.

“Sia per gli uomini che per le donne, questo viaggio è una traiettoria tra la nascita e la morte, una vita umana vissuta. Nessuno sfugge all’avventura. Lavoriamo solo con esso in modo diverso.” Dovunque tu vada, ci sei giàIn cammino verso la consapevolezza

Citazione sul viaggio della vita libro di Jon Kabat-Zinn

“Concediti il ​​permesso di consentire a questo momento di essere esattamente così com’è, e permetti a te stesso di essere esattamente come sei.”

Frase Consentire a questo momento presente Kabat-Zinn

“Forse la cosa più “spirituale” che ognuno di noi può fare è semplicemente guardare attraverso i propri occhi, vedere con occhi di completezza e agire con integrità e gentilezza.”

Citazione Forse la cosa più spirituale Kabat-Zinn

“Dobbiamo essere disposti a incontrare l’oscurità e la disperazione quando si presentano e affrontarle, ancora e ancora se necessario, senza scappare o intorpidirci nei migliaia di modi in cui evochiamo per evitare l’inevitabile.”

Frase Essere disposti a incontrare oscutirà Kabat-Zinn

“Non puoi fermare le onde, ma puoi imparare a surfare.”

Frase Non puoi fermare le onde Kabat-Zinn

“Se smetti di cercare di renderti più di quello che sei, per paura di essere meno di quello che sei, chiunque tu sia veramente sarà molto più leggero, più felice e anche più facile con cui convivere.”

Frase Se smetti di cercare di renderti più di quello che sei Kabat-Zinn
Dovunque tu vada, ci sei già
In cammino verso la consapevolezza

Voto medio su 17 recensioni: Da non perdere

€ 16,00

“Prima o poi si è praticamente costretti a sedere e a contemplare la propria vita, mettere in discussione se stessi e chiedersi qual è il significato del percorso della vita… la nostra vita.”

Citazione Prima o poi si è costretti a mettersi in discussione Kabat-Zinn
  • “Consenti a te stesso di sentire qualunque cosa provi. Nota eventuali etichette che attribuisci al pianto o al sentirsi vulnerabile. Lascia andare le etichette. Senti semplicemente quello che senti, coltivando nel frattempo la consapevolezza momento per momento.”
  • “Le ferite sono importanti, ma lo sono pure la nostra bontà interiore, l’altruismo, la gentilezza, la saggezza del corpo, la capacità di pensare, di razionalizzare. E noi sappiamo come stanno le cose, molto più di quanto siamo disposti ad ammettere. Eppure, invece di fare un bilancio equilibrato, persistiamo frequentemente nell’abitudine di proiettare i meriti sugli altri e non su noi stessi.”
  • “Per permetterci di essere veramente in contatto con dove siamo già, non importa dove sia, dobbiamo fermarci nella nostra esperienza abbastanza a lungo da lasciare che il momento presente penetri; abbastanza a lungo per sentire realmente il momento presente, per vederlo nella sua pienezza, per mantenerlo consapevole e quindi arrivare a conoscerlo e comprenderlo meglio.”
  • “Qualunque cosa tu stia pensando in questo momento, è quello che hai in mente. Qualunque cosa ti sia accaduta, è già accaduta. La domanda importante è: come gestirai la situazione? In altre parole, “E adesso?”
  • “Se speriamo di arrivare da qualche parte o di svilupparci in qualche modo, possiamo solo allontanarci da dove ci troviamo. Se non sappiamo veramente dove ci troviamo… possiamo solo girare in tondo…”
  • “Abbi fiducia nella tua forza più profonda: essere presente, essere sveglio.”
  • “L’intelligenza è la porta verso la libertà e l’attenzione vigile è la madre dell’intelligenza.”
  • “Esercitati a condividere la pienezza del tuo essere, la parte migliore di te stesso, il tuo entusiasmo, la tua vitalità, il tuo spirito, la tua fiducia, la tua apertura e, soprattutto, la tua presenza. Condividilo con te stesso, con la tua famiglia, con il mondo.”
  • “La meditazione non implica cercare di cambiare il tuo modo di pensare pensando ancora un po’. Implica osservare il pensiero stesso.”
  • “La meditazione è l’unica attività umana intenzionale e sistematica, che in fondo non consiste nel cercare di migliorare te stesso o arrivare altrove, ma semplicemente nel realizzare dove sei già.”
  • “La concentrazione è una pietra angolare della pratica della consapevolezza. La tua consapevolezza sarà solida quanto la capacità della tua mente di essere calma e stabile. Senza calma, lo specchio della consapevolezza avrà una superficie agitata e instabile e non sarà in grado di riflettere le cose con precisione.”
  • “Il modo migliore per catturare i momenti è prestare attenzione. È così che coltiviamo la consapevolezza. Mindfulness significa essere svegli. Significa sapere cosa stai facendo.”
  • “La pratica della consapevolezza significa che ci impegniamo pienamente in ogni momento ad essere presenti; invitandoci a interfacciarci con questo momento in piena consapevolezza, con l’intenzione di incarnare al meglio un orientamento di calma, consapevolezza ed equanimità proprio qui e ora.”
  • “In una corda lunga quindici centimetri vi è un numero infinito di punti e altrettanti ve ne sono in tre centimetri. Bene, quanti momenti vi sono in quindici minuti, cinque, dieci o quarantacinque? Il risultato equivale a dire che abbiamo tempo in abbondanza se siamo disposti a prendere atto coscientemente di un certo numero di momenti.”
  • “Al livello più profondo, non c’è nessun donatore, nessun dono e nessun destinatario… solo l’universo che si riorganizza.”
  • “Fai un elenco di ciò che è veramente importante per te. Incarnalo.”
  • “Conviene ammettere di non sapere quale strada imboccare e accettare aiuto dalle fonti più inattese. In questo modo si mettono a propria disposizione le energie e alleati interiori ed esterni costituiti dalla propria stessa sensibilità e dal proprio altruismo.”
  • “Siamo tutti casse di risonanza dei dolori altrui perché siamo interconnessi. Essendo completi e contemporaneamente componenti di un insieme più vasto, possiamo cambiare il mondo cambiando semplicemente noi stessi. Se mi trasformo in un centro di amore e gentilezza in questo momento, forse, anche se in misura limitata ma non del tutto insignificante, ora il mondo può disporre di questo nucleo di cui era privo qualche istante prima. Questo arreca beneficio a me e agli altri.”
  • “Coltivare consapevolmente la generosità non comporta necessariamente spogliarsi di tutto, talvolta neppure di qualcosa. La generosità è soprattutto un dono interiore, una condizione emotiva, la disponibilità a condividere il proprio essere con il mondo intero.”
  • “All’interno del caos organizzato e della complessità familiare e lavorativa, con esigenze e responsabilità che comportano frustrazioni e soddisfazioni incomparabili, esistono ampie occasioni di scegliere la semplicità a piccole dosi.”
Ti può interessare  Io ti dico che l’uomo è uomo quando non è testardo - Eduardo De Filippo

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership