Evitamento patologico psicologia: i 5 tipi di comportamento.

L’evitamento è un disturbo della personalità che in psicoanalisi è considerato come un meccanismo di difesa. La persona fugge di fronte a situazioni, emozioni, luoghi e relazioni che ritiene un rischio e che gli creano ansia.

Si tratta di una paura nell’affrontare un dolore ed è presente in soggetti che soffrono di disturbi di ansia e fobie anche a seguito di traumi.

L’evitamento normale e patologico

Evitare situazioni che possono recarci danno è un normale comportamento di autodifesa e di sopravvivenza.

Come esseri umani, siamo programmati per andare verso il piacere ed evitare il dolore. 

L’evitamento fa parte della vita.

Diventa patologico quando è una consuetudine il non voler trovarsi a fronteggiare le situazioni stressanti.

Ad esempio alcune persone tendono a non voler fare scelte per paura delle conseguenze o per la sensazione di non avere il controllo, alimentando così anche una visione pessimistica che aggrava il comportamento.

Più si adottano queste misure di evitamento e più si rischia di restare alienati e allontanarsi dalla vita sociale e lavorativa.

Cosa c’è dietro i comportamenti di evitamento?

L’evitamento è il tentativo di ridurre al minimo e scongiurare la minaccia, il pericolo o l’ansia percepiti, afferma Michael G. Wetter, psicologo clinico a Los Angeles, California.

“Nei termini più elementari, la funzione dell’evitamento è proteggerci da ciò che percepiamo come una minaccia”, afferma. “Il grado in cui evitiamo è direttamente collegato e associato al livello di minaccia o pericolo percepito”.

La tua idea di ciò che è minaccioso è del tutto relativa, spiega.

“A volte, queste paure si basano su esperienze, ad esempio, ‘Sono stato morso da un cane, quindi ora ho paura di avvicinarmi ai cani.’ Altre volte sono semplicemente cognitivi, ad esempio, ‘Immagino che essere morso da un cane sarebbe orribile, quindi eviterò i cani’”, dice Wetter.

Ti può interessare  Psicologia delle folle Gustave Le Bon ebook pdf - Condottieri e contagio di idee

Determinando i tuoi specifici comportamenti di evitamento, puoi affrontarli meglio.

Nel suo libro “Mente ed emozioni: un trattamento universale per i disturbi emotivi”, l’autore e professore Matthew McKay delinea cinque tipi di comportamenti di evitamento:

Evitamento situazionale

Questo è il tipo più comune di evitamento, dice McKay.

L’evitamento situazionale si riferisce allo stare lontano da persone, luoghi, cose o attività che si sentono stressanti per te. Questo è un sintomo formale del disturbo da stress post-traumatico (PTSD) , come un veterano che evita l’aria aperta durante uno spettacolo pirotecnico durante le vacanze, o un sopravvissuto a sparatorie di massa che evita spazi pubblici affollati.

Può verificarsi anche per le persone senza PTSD, come coloro che evitano:

  • ascensori affollati;
  • contatto visivo con nuove persone;
  • aree faunistiche con serpenti.

Evitamento cognitivo

Questo tipo di evitamento è un lavoro interno. L’evitamento cognitivo si riferisce al distogliere attivamente la mente da pensieri o ricordi angoscianti. Ciò può includere dire consapevolmente a te stesso: “Non pensare a queste cose”.

Potrebbe anche assumere la forma di distrarre te stesso, dissociarti, fantasticare o persino positività tossica.

“Potresti riempire la tua mente di fantasie o sogni ad occhi aperti che distraggono o ripetere rituali mentali, come ripetere alcune frasi di buona fortuna ancora e ancora nella tua mente. A volte le preghiere o le affermazioni ritualizzate hanno uno scopo simile, con le parole e le frasi ripetute che soffocano ricordi o pensieri che ti infastidiscono”, scrive McKay.

In alcuni casi, questo potrebbe anche assumere la forma di pensieri ossessivi o preoccupanti cronici. Potresti trovarti costantemente a prepararti per i “e se” ripassando continuamente determinati dettagli, piani o scenari nella tua testa nella speranza che ti protegga da futuri disastri o delusioni.

Ti può interessare  Perché non riesco a sopportare le critiche? E' legato all'evoluzione

Evitamento protettivo

L’evitamento protettivo si riferisce alle azioni nel tuo ambiente fisico che ti aiutano a sentirti più sicuro nel tuo mondo interiore, tra cui:

  • pulizia compulsiva;
  • rituali che accrescono il tuo senso di sicurezza;
  • mantenere portafortuna o talismani.

Questi comportamenti sono comunemente associati disturbi dello spettro ossessivo-compulsivo, come contare oggetti, lavare oggetti o controllare più volte le serrature. 

Rituali protettivi simili possono essere osservati anche con i disturbi alimentari, come preparare ogni volta gli ingredienti alimentari in un certo ordine.

“Anche il perfezionismo e la preparazione eccessiva per le lezioni o il lavoro possono essere una forma di evitamento protettivo. Al contrario, potresti cercare di evitare il rischio procrastinando e rimandando un compito o un evento temuto”, scrive McKay.

Evitamento somatico

L’evitamento somatico si riferisce allo stare alla larga da situazioni che suscitano una risposta fisica simile all’ansia o alla risposta allo stress.

“Il battito cardiaco accelerato e le sensazioni di formicolio alle estremità consistono tutti in una qualche forma di esperienza somatica che molte persone associano a panico, paura o condizioni mediche spaventose”, spiega Wetter.

“Pertanto, per le persone che evitano questi tipi di risposte somatiche, tenderanno anche ad evitare attività o situazioni che innescano tali risposte, come montagne russe, giostre da brivido e situazioni incerte”.

Questo potrebbe includere anche:

  • eventi emozionanti;
  • innamorarsi;
  • sentirsi stanchi (come se ci si fosse allenati);
  • eccitazione sessuale;
  • variazioni di temperatura.

Sostituzione dell’elusione

La sostituzione dell’elusione può prendere forma internamente o esternamente.

Internamente, si mette in atto con la sostituzione di certi sentimenti, come tristezza o dolore, con qualcosa che ti sembra più accettabile, come la rabbia.

Esternamente, l’elusione compora il fare affidamento su una sorta di stampella per far fronte al dolore emotivo, come alcol, cibo, droghe, sesso o qualsiasi altra cosa che fornisca una tregua temporanea da emozioni spiacevoli. Questa è una caratteristica comune dei disturbi da uso di sostanze.

Ti può interessare  Meglio non sapere: perché si sceglie l'ignoranza volontaria?

“Coltivare una sensazione generale di intorpidimento può servire allo stesso scopo. E alcune persone si rivolgono all’eccitazione del gioco d’azzardo, dei comportamenti rischiosi, dei videogiochi o del porno su Internet come un modo per sostituire o coprire sentimenti dolorosi che vogliono evitare”, dice McKay.

Quando chiedere aiuto

Tutti mostriamo alcune tendenze evitanti di tanto in tanto, dice Wetter.

“Quelle tendenze, tuttavia, non dovrebbero governare le nostre vite o privarci della partecipazione a esperienze, attività o momenti che altrimenti ci piacerebbe o che dovremmo fare, spiega.

“È opportuno e consigliato cercare un aiuto professionale quando la tendenza a evitare provoca un’interruzione o un deterioramento della vita quotidiana”.

Tra i tanti benefici della terapia, un professionista può aiutarti:

  • esaminare la causa principale dei comportamenti;
  • esprimere le tue emozioni in modo produttivo;
  • sviluppare strumenti per affrontare il disagio:
  • autoregolarsi nei momenti difficili.

Riassumendo

L’evitamento fa parte dell’essere umano.

In alcuni casi, l’evitamento può diventare uno stile di vita. Questo non solo può impedire la crescita personale e la soddisfazione che deriva dal superare le tue paure, ma può anche togliere la qualità generale della tua vita.

“A lungo termine, la tua vita è in attesa. La profondità, l’altezza e la portata della tua stessa esistenza sono limitate dai tuoi tentativi giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, anno dopo anno di evitare sentimenti che sono, in definitiva, inevitabili”, scrive McKay.

(Fonte: https://psychcentral.com - "What Are the 5 Types of Avoidance Behavior?")

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.