Ho raccontato un segreto. Perché non sappiamo tenerlo nascosto?

Perché tendiamo a rivelare i segreti degli altri nonostante ci sia stato chiesto di mantenerli riservati?

In un articolo, gli psicologi dell‘Università dell’Arizona hanno preso in esame nove ricerche in cui si chiedeva ai partecipanti il motivo per cui avevano deciso di raccontare un segreto e quanto spesso lo avevano fatto. I partecipanti hanno ammesso di aver divulgato i segreti altrui nel 30% dei casi, e in caso di confidenze fatte da parenti o amici intimi, la percentuale è stata del 26%.

Qual è il motivo che non fa mantenere i segreti?

La motivazione principale dietro la divulgazione dei segreti sembra essere legata all’integrità della persona che rivela le informazioni riservate. Se la persona è egoista o non segue principi morali rigidi, siamo più inclini a rivelare i suoi segreti. D’altro canto, se la persona è piacevole, generosa e leale, che rispettiamo e stimiamo, siamo più propensi a mantenere il segreto.

Dunque, il mantenimento di un segreto dipende principalmente dalla persona che ci confida l’informazione. Se riteniamo che sia una persona affidabile e rispettabile, saremo più propensi a mantenerlo segreto. Tuttavia, se giudichiamo che la persona sia poco affidabile o non meritevole di rispetto, potremmo sentire il bisogno di condividere quel segreto con altri e cedere alla tentazione di spettegolare.

Altri motivi che ci spingono a rivelare i segreti

“Un segreto solitamente riguarda qualcosa per cui la persona che lo sta dicendo non va fiera. Possono anche aver scelto qualcuno con cui confidarsi, ma non vogliono che altre persone vengano a conoscenza del fatto perché temono che la loro reputazione possa essere minacciata”, afferma il dottor Asim Shah, professore di Psichiatria e Scienze Comportamentali a Baylor. “Comunque sia, sembra quasi impossibile tener quel segreto per se stessi perché potrebbe diventare un peso.”

Quando dici a qualcuno di non rivelare il tuo segreto, questa persona potrebbe sentirsi ossessionata e ansiosa nell’urgere di condividerlo con altre persone. Inoltre, anche il nostro confidente potrebbe avere a sua volta un altro confidente, con il quale sentire il bisogno di confidarsi. Questa terza persona a sua volta, potrebbe sentirsi obbligata a condividere le nostre informazioni.

Ti può interessare  20 Settembre frase di oggi: essere orgogliosi dei propri risultati

Segreti e legami di amicizia

C’è anche un’altra spiegazione sul perché non si tengono i segreti ed è che le persone pensano che rivelare un segreto possa contribuire a mantenere stretti legami di amicizia.

Inoltre, in alcuni casi specifici, chi deve custodire il segreto potrebbe sentirsi in colpa per averlo tenuto per sé. Ad esempio, se un amico confessa di aver tradito il proprio partner, potremmo sentirci colpevoli nel non condividere questa informazione con chi ci fidiamo, come il nostro stesso partner, a meno che ciò non abbia conseguenze negative per il nostro amico (ad esempio, se la partner è la sorella della persona tradita).

Se non condividiamo determinate informazioni con la nostra famiglia, il nostro coniuge o i nostri parenti, potrebbe sorgere un senso di sfiducia.

Infatti, la decisione di mantenere o rivelare un segreto pone le persone nella posizione di guadagnare o perdere la fiducia di qualcuno. La scelta dipende dal valore che si attribuisce alla fiducia della persona che ha condiviso il segreto rispetto alle persone a lui care.

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.