Combattere la solitudine senza amici: accettazione e gestione.

La sensazione di sentirsi soli è molto diffusa e va sempre fatta la distinzione fra il “sentirsi soli” e l'”essere soli”. Possiamo osservare infatti, che ci si può sentire soli anche in mezzo ad una folla di gente o alla festa del proprio compleanno.

Il primo passo per combattere la solitudine è accettarla

La sensazione di solitudine può farti sentire sgradevole, strano e indesiderato, come qualcuno che gli altri semplicemente non vogliono nei paraggi.

Può essere difficile ammettere che ci sentiamo soli, anche con noi stessi. Quando qualcuno ci chiede come stiamo, spesso gli diciamo che “stiamo bene”.

Ammettere di essere soli può farci sentire in qualche modo carenti, come se fossimo in colpa o se rivelasse qualche difetto o mancanza personale.

A volte, può essere persino difficile definire se siamo soli o se si tratta di qualcos’altro.

Definire la solitudine

Uno studio sulla solitudine pubblicato negli Annals of Behavioral Medicine ha definito la solitudine come un’esperienza stressante che si verifica quando una persona sente che le sue relazioni sociali sono in qualche modo carenti.

Lo studio prosegue spiegando che mentre sentirsi soli è soggettivo, le persone possono essere sole senza sentirsi sole e viceversa; le persone possono stare con gli altri e sentirsi ancora sole.

“Possiamo sentirci soli quando siamo in una stanza piena di persone, alla nostra festa di compleanno o ovunque ci sentiamo disconnessi”, afferma la psicoterapeuta statunitense Gina Moffa“Non si tratta delle persone o dell’azienda, ma della connessione”.

Sottolinea che le persone a volte sosterranno relazioni, sia romantiche che platoniche, che non le “alimentano” emotivamente, semplicemente per avere compagnia o per non essere sole.

“Quello che fai effettivamente, però”, aggiunge Moffa, “è controproducente, perché stai cambiando e riducendo al minimo i tuoi bisogni emotivi e recidendo la possibilità di connessioni più profonde altrove mantenendo relazioni che non corrispondono”.

D’altra parte, le persone possono vivere una vita in solitudine e non essere sole.

“Si tratta di quali bisogni vengono soddisfatti o che devono essere soddisfatti”, afferma Moffa.

Sono solo?

Secondo un rapporto della Harvard Graduate School of Education, più di un terzo delle persone riferisce di sentirsi solo “spesso” o “quasi sempre o sempre”.

I giovani tra i 18 ei 25 anni si sentivano particolarmente soli con il 61% che riferiva gravi sentimenti di solitudine.

A questa solitudine si sono aggiunte le recenti restrizioni Covid-19. Moffa dice che mentre le persone erano sole prima della pandemia, l’isolamento forzato dovuto al Covid-19 ha portato a una solitudine interiore più profonda.

“La vita come la conoscevamo è stata strappata via senza scelta”, afferma. “Le famiglie non sono state in grado di connettersi e le popolazioni più anziane già isolate (che contano di più sulle vacanze per la connessione) si sono ritrovate bloccate a cercare di connettersi in un modo che potrebbe sembrare molto estraneo e insoddisfacente”.

Ricercatori hanno scoperto che le seguenti persone avevano maggiori probabilità di provare sentimenti di solitudine durante la pandemia:

  • giovani adulti
  • studenti
  • donne
  • persone con istruzione o reddito inferiore
  • gli economicamente inattivi
  • quelli che vivono da soli
  • residenti urbani

Moffa dice di vedere molti clienti che sono soli e spesso riferiscono di fare quanto segue:

  • scorrono i social media come prima cosa al mattino e come ultima cosa prima di andare a letto per molto tempo;
  • diminuzione dell’energia o desiderio di dormire di più;
  • aumento dei comportamenti di dipendenza, come lo shopping online e l’uso di alcol o droghe;
  • passare più tempo a guardare programmi televisivi piuttosto che impegnarsi in connessioni nella vita reale;
  • fare affermazioni autoironiche, come “tutti mi odiano”, che implica sentimenti di rifiuto.

Se ti sei trovato a fare alcune di queste cose, potresti sentirti solo, e va bene.

Va bene ammettere di essere solo. È quando ignori questi sentimenti e non li riconosci che possono sorgere problemi.

Complicazioni per la salute derivanti dalla solitudine

La solitudine può influire sulla tua salute fisica e mentale.

Secondo una ricerca della National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine (NASEM), molti adulti di età pari o superiore a 50 anni che sono soli hanno maggiori probabilità di complicazioni di salute.

Le complicazioni per la salute fisica includono malattie cardiache (aumento del 29%) e ictus (aumento del 32%).

Le persone con insufficienza cardiaca che soffrono di solitudine hanno il 68% in più di probabilità di essere ricoverate in ospedale e il 57% in più di recarsi al pronto soccorso.

Alcune complicazioni per la salute mentale includono:

  • demenza;
  • depressione;
  • ansia;
  • suicidio.

Il rapporto NASEM suggerisce inoltre che le persone che sono immigrati, possono sperimentare la solitudine più spesso rispetto ad altri gruppi a causa di:

  • meno legami sociali;
  • barriere linguistiche;
  • differenze nella comunità;
  • dinamiche familiari;
  • nuove relazioni che mancano di profondità o di storia.

La solitudine aumenta anche lo stress, la rabbia, la paura e diminuisce l’autostima.

Si può prevenire la solitudine?

Mentre la solitudine capita a tutti in momenti diversi della loro vita, Moffa dice che mantenere le connessioni può aiutare a prevenire i sentimenti di solitudine. Tuttavia, riconosce che questo può essere difficile.

“Quando le persone sono sole, un suggerimento ovvio sarebbe quello di raggiungere gli altri. Ma questo può essere il consiglio sbagliato”.

Forzare le cose in quei momenti in cui interiormente c’è un vuoto e una disconnessione, può peggiorare la situazione, facendoci sentire ancora più isolati.

Tuttavia, se sentiamo di voler fare qualcosa per affrontare la nostra solitudine, un altro modo è di rimanere in contatto attraverso le opportunità della comunità.

Moffa afferma che un buon modo per le comunità di aiutare con la solitudine è che “si impegnino con coloro che sono socialmente isolati, o almeno offrano un impegno sociale a chiunque possa soffrire di essere solo e disconnesso, o semplicemente non avere una buona quantità di interazioni umane.”

Modi per gestire la solitudine

Quindi, se stai vivendo la solitudine, come puoi gestire quei sentimenti? Ecco alcuni modi per alleviare la tua solitudine.

Rivolgiti ai vecchi amici

Trovare un modo per entrare in contatto con coloro che portano significato e gioia alla tua vita può alleviare la solitudine.

“Stare in mezzo a persone con cui possiamo essere noi stessi è vitale per la nostra salute emotiva e psicologica”, afferma Moffa. Stare in compagnia solo per non rimanere soli, non è positivo per il benessere psicologico, dobbiamo stare bene con chi ci attornia.

Iscriviti a qualche corso

Puoi decidere di iscriverti a qualche corso da frequentare in presenza. Un hobby in cui puoi incontrare persone che condividono il tuo stesso interesse.

Fare volontariato

Il volontariato è un ottimo modo per entrare in contatto con gli altri e aiutare allo stesso tempo.

“Ci sono molte persone che hanno bisogno di connessione o di un samaritano gentile”, incoraggia Moffa. “I servizi di volontariato sono più appaganti per coloro che danno”.

Pianifica qualcosa settimanalmente

Mettere un’attività sul tuo calendario può darti qualcosa da attendere, che scandisce la tua settimana.

Fare una passeggiata con un amico, partecipare a una funzione religiosa, organizzare una videochiamata familiare o impegnarsi in un’altra attività può aiutare a creare una sensazione di energia.

Prendi un animale domestico

Avere un animale domestico che ti tenga compagnia e ti porti fuori a interagire con gli altri può essere confortante.

Secondo un sondaggio dello Human Animal Bond Research Institute, l’80% dei proprietari di animali domestici afferma che i loro animali domestici li fanno sentire meno soli.

Cerca un terapeuta

Parlare regolarmente con un terapeuta può aiutare a riformulare pensieri negativi o sentimenti di rifiuto e solitudine.

“È anche un momento dedicato ogni settimana in cui sarai connesso, quindi ti dà qualcosa da aspettare con impazienza”, afferma Moffa.

(Fonte: psychcentral.com)

La sensazione di essere soli e non voluti è la più terribile povertà. (Madre Teresa di Calcutta)

Nella solitudine, la mente si rafforza e impara ad appoggiarsi a se stessa. (Laurence Sterne)

Queste due citazioni sembrano quasi antitetiche, ma sono in realtà due aspetti complementari della solitudine. In effetti la sensazione di sentirsi isolati dal resto del mondo ci rende più tristi e vulnerabili, ma se come si è detto, ci prendiamo il giusto tempo e accettiamo questo sentimento, diventerà un’esperienza che ci fortifica. La solitudine ci fa riflettere di più, ci fa andare più a fondo nelle questioni della nostra vita e alcune volte è fisiologico attraversare dei momenti in cui ci si isola per fare il punto della situazione.

Quindi, non abbattiamoci subito se proviamo questa sensazione, cogliamone l’insegnamento nascosto. A cosa ci può giovare un periodo di solitudine? Sicuramente avremo anche modo di analizzare il nostro vissuto e di fare più ordine in noi. Forse dopo saremo persone diverse e intratteremo relazioni più consapevoli e motivate.

Non dimentichiamo che ogni esperienza è maestra di qualcosa! La solitudine può avere molte lezioni da darci che non avremmo avuto modo di apprendere altrimenti.

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email.
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.