Lao Tzu frase sulla vita e il cambiamento

Lao Tzu frase sulla vita e il cambiamento.

“La vita è una serie di cambiamenti naturali e spontanei. Non resistergli; perché crea solo dolore.
Lascia che la realtà sia realtà. Lascia che le cose scorrano naturalmente in avanti nel modo che preferiscono.”

Lao Tzu

Chi era Lao Tzu fra leggenda e verità?

Lao Tzu conosciuto anche come Laozi, Lao Tse, Lao Tze o Lao Tzi, è stato un filosofo e scrittore cinese antico del VI secolo a.C., presunto autore del Tao Te Ching e fondatore del taoismo. Nel I secolo d.C. divenne la principale divinità del pantheon taoista.

Laozi era originario di Chu, secondo lo Shiji (“Records of the Historian” dello scriba di corte e storico della dinastia Han (206 a.C.–220 d.C.) e dello storico Sima Qian (ca. 145–86 a.C.)  , uno stato meridionale della dinastia Zhou. Il suo cognome era Li; il suo nome di battesimo era Er, ed era anche chiamato Dan.

Laozi prestò servizio come custode dei documenti d’archivio presso la corte di Zhou. Confucio (551–479 aEV) lo aveva consultato su alcune questioni rituali, ci viene detto, e in seguito lo lodò generosamente (Shiji 63). Ciò confermerebbe l’affermazione tradizionale secondo cui Laozi era un contemporaneo anziano di Confucio. Un incontro, o più incontri, tra Confucio e Laozi, identificato come “Lao Dan”, sono riportati anche nello Zhuangzi e in altre prime fonti cinesi.

“Laozi coltivò il tao e la virtù”, come racconta Sima Qian, e “la sua cultura era dedicata all’autocancellazione e al non avere fama“. Ha vissuto a lungo a Zhou; assistette al suo declino e se ne andò. Quando raggiunse il confine nord-ovest che separò poi la Cina dal mondo esterno, incontrò Yin Xi, il funzionario incaricato del valico di frontiera, che gli chiese di mettere per iscritto i suoi insegnamenti. Il risultato fu un libro composto da circa cinquemila caratteri cinesi, diviso in due parti, che discute “il significato del Tao e della virtù”. Successivamente, Laozi se ne andò; nessuno seppe dove fosse andato. Con questo finisce la parte principale del racconto di Sima Qian. 

Pochi studiosi oggi sottoscriverebbero pienamente il rapporto dello Shiji. In effetti, secondo William Boltz, “non contiene praticamente nulla che sia dimostrabilmente fattuale; non ci resta altra scelta che riconoscere la probabile natura immaginaria della tradizionale figura di Lao tzu [Laozi]” (1993, 270). I disaccordi abbondano su ogni fronte, compreso il nome stesso Laozi. Sebbene la maggioranza prenda “Laozi” per significare “Vecchio Maestro”, alcuni studiosi ritengono che “Lao” sia un cognome. Lo Zhuangzi e altri primi testi si riferiscono a “Lao Dan” in modo coerente, ma non a “Li Er”. Il nome “Dan” è generalmente inteso per raffigurare le “orecchie lunghe” del portatore, un segno di longevità nella fisionomia cinese. Secondo Fung Yu-lan, Sima Qian aveva “confuso” il leggendario Lao Dan con Li Er, che fu noto più tardi durante il periodo degli “Stati Combattenti” (480-221 a.C.) e fu il “vero” fondatore della scuola taoista ( daojia ) (1983, 171).

Taoismo origini

Il Taoismo viene considerato una religione e una filosofia dell’antica Cina che ha influenzato le credenze popolari e nazionali. Il Taoismo è stato collegato al filosofo Lao Tzu, che intorno al 500 a.C. scrisse il libro principale del taoismo, il Tao Te Ching

Il Taoismo divenne famoso nell’VIII secolo d.C. come religione della dinastia Tang. Nei secoli successivi esisteva insieme al buddismo e al confucianesimo (un’altra religione filosofica). Tuttavia, durante l’acquisizione del potere comunista nel 1959, il Taoismo, il Confucianesimo e altre religioni furono banditi. Ciò causò un declino nella pratica del Taoismo in Cina. Molti taoisti moderni vivono a Taiwan, sebbene le recenti riforme in Cina abbiano aumentato il numero dei taoisti cinesi.

Il Tao Te Ching , o “La via e il suo potere”, è una raccolta di poesie e detti del terzo e quarto secolo a.C. che guida il pensiero e le azioni taoiste. Sebbene l’autore sia tradizionalmente ritenuto il filosofo Lao Tzu, ci sono poche prove che Lao Tzu sia esistito. Piuttosto, il Tao Te Ching è una raccolta di detti precedenti di molti autori. Questo libro ha avuto origine dal filosofo Lao Tzu per ragioni culturali e politiche. Lao Tzu è talvolta inteso come l’immagine del Tao, o di un dio, e gli viene conferito uno status leggendario.

Tao Te Ching

Voto medio su 15 recensioni: Da non perdere

€ 9,50

Ci sono templi, monasteri e sacerdoti taoisti che fanno offerte, meditano ed eseguono altri rituali per le loro comunità.

Il Taoismo sostiene che gli esseri umani e gli animali dovrebbero vivere in equilibrio con il Tao, o l’universo. I taoisti credono nell’immortalità spirituale, dove lo spirito del corpo si unisce all’universo dopo la morte.

Che cos’è il Tao?

Il Tao è difficile da definire, ma a volte è inteso come la via dell’universo. Il Taoismo insegna che tutte le creature viventi dovrebbero vivere in uno stato di armonia con l’universo e l’energia che vi si trova. Ch’i, o qi, è l’energia presente e guida ogni cosa nell’universo. Il Tao Te Ching e altri libri taoisti forniscono guide per comportamenti e modi spirituali di vivere in armonia con questa energia. Tuttavia, i taoisti non credono in questa energia come dio. Piuttosto, ci sono dei come parte delle credenze taoiste, spesso introdotte dalle varie culture che si trovano nella regione conosciuta ora come Cina. Questi dei fanno parte del Tao, come tutti gli esseri viventi. 

Una delle idee principali del Taoismo è la credenza nell’equilibrio delle forze, o yin e yang. Queste idee rappresentano coppie corrispondenti, come luce e buio, caldo e freddo, azione e inazione, che lavorano insieme verso un tutto universale. Yin e yang mostrano che tutto nell’universo è connesso e che nulla ha senso da solo. 

(Bibliografia on line: Stanford Enclyclopedia of Philosophy; nationalgeographic.org)

Condividi

Shares