Albero della vita significato esoterico, simbolico e mitologico.

L’Albero della Vita, a volte indicato come l’Albero del Mondo o l’Albero della Conoscenza, appare nella mitologia e nel folklore delle culture di tutto il mondo. I significati dell’albero della vita variano leggermente da cultura a cultura. Tuttavia, un tema comune che tutti condividono è l’idea che un albero mistico colleghi il mondo fisico e spirituale. Inoltre, l’Albero della Vita è fondamentale per sostenere tutta la vita.

Il fatto che questo antico simbolo della vita sia un albero è appropriato. Dopotutto, nel corso della storia, gli esseri umani hanno reso omaggio agli alberi. È come se i nostri lontani antenati capissero chiaramente quanto fossero importanti gli alberi per sostenere la vita sulla Terra, anche prima dei tempi dell’indagine scientifica. In questo post imparerai a conoscere l’Albero della Vita e l’Albero del Mondo in diverse culture e credenze spirituali, nonché l’Albero della Conoscenza.

Significato dell’albero della vita nella mitologia culturale

Popoli diversi come i vichinghi, gli antichi egizi, i celti, i nativi americani, i mistici ebrei e altri hanno raccontato storie di un albero della vita. In sostanza, l’Albero della Vita ha aiutato a spiegare il piano divino di come le persone sono arrivate qui e come dovrebbero comportarsi sulla Terra.

Albero della vita nordico

Albero della vita norvergese
Yggdrasil

Nella mitologia nordica, l’albero della vita viene talvolta chiamato l’albero della vita vichingo. Tuttavia, gli antichi nordici lo chiamavano l’albero di Yggdrasil. L’albero era massiccio e cresceva dal Pozzo di Urd, che era una pozza infinita che conteneva la saggezza universale e altre potenti forze cosmiche.

Le radici ei rami dell’albero Yggdrasil tenevano insieme i Nove Mondi del cosmo. In effetti, era così importante che il benessere del mondo intero dipendeva dalla vitalità stessa dell’albero.

Il dio nordico Odino voleva possedere la conoscenza contenuta nell’Albero Yggdrasil e nel Pozzo di Urd. Così, per dimostrare la sua fedeltà a questa ricerca, dopo aver sacrificato il suo occhio e essersi lanciato sulla sua lancia, si è impiccato a un ramo dell’albero di Yggdrasil per nove giorni, quasi morendo nel processo. Tuttavia, alla fine, sopravvisse, acquisendo la conoscenza dell’Universo. 

Secondo le leggende norrene, due uccelli mistici abitano l’albero di Yggdrasil. Uno è un’aquila e l’altro un falco. L’aquila possedeva la conoscenza e la saggezza di Odino, mentre il falco diffondeva le informazioni attraverso i messaggi.

Albero della vita celtico

Albero della Vita celtico

Gli antichi Celti avevano anche un albero della vita, che molti storici ritengono sia stato ispirato dall’albero di Yggdrasil. Come gli aborigeni australiani e altre culture antiche, i Celti erano animisti. Credevano che il mondo naturale fosse interconnesso e che gli spiriti abitassero ogni cosa, dagli alberi ai fiumi, ai laghi, alle montagne e agli animali.

I Celti consideravano gli alberi sacri e ogni tipo aveva il suo scopo mistico. Inoltre, credevano che i loro antenati fossero diventati alberi dopo la loro morte. I Celti videro gli alberi subire i cicli stagionali, perdendo le foglie, essendo sterili, per poi ricrescere le foglie, fiorire e portare frutti. Quindi, per i Celti gli alberi simboleggiavano il ciclo della vita e della rinascita.

L’albero della vita celtico era collegato al mondo sotterraneo attraverso le sue radici. Il suo tronco esisteva nel mondo fisico ei suoi alti rami raggiungevano il cielo. Quindi, per i Celti, l’Albero della Vita simboleggiava la connessione tra il mondo degli esseri umani con quello degli dei e degli spiriti. Quindi, l’Albero della Vita rappresentava anche saggezza e protezione.

Albero della vita egiziano

L’albero della vita egiziano risale al 3150 aC o prima. Secondo la mitologia egizia, dopo la creazione del mondo, il dio della Terra, Geb, e la dea del cielo, Nut, diedero alla luce un figlio, il dio Osiride. Divenne il primo sovrano del mondo. In seguito nacquero altri dei, tra cui Set (fratello di Osiride) e Iside, che divenne sua moglie.

A causa della rivalità tra fratelli, Set è diventato geloso dell’enorme potere di suo fratello. Quindi, fece realizzare una bara che si adattava alle proporzioni di Osiride. Poi, ha organizzato una festa. Durante i festeggiamenti, Set ha invitato tutti a provare la bara, dicendo che l’avrebbe regalata a chi si adattava meglio. Quando Osiride lo provò, Set chiuse il coperchio e gettò la bara nel Nilo.

Ti può interessare  Sakura: la leggenda giapponese che parla del vero amore

La bara andò alla deriva lungo il Nilo e in mare aperto, fino a finire sulla costa di Byblos in Fenicia. Lì è stato alloggiato in un gigantesco albero di sicomoro. Nel corso del tempo, il grande albero crebbe intorno ad esso, avvolgendo infine la bara.

Un pilastro a Byblos

Un giorno, il re Malcander di Byblos si avvicinò all’albero e notò un delizioso profumo che emanava dal suo tronco. Gli piacque così tanto l’albero che lo fece abbattere e ne fece un pilastro nel suo palazzo.

Nel frattempo, Iside stava ancora cercando il marito scomparso da tempo. Nella sua ricerca, alla fine si è fatta strada alla corte del re Malcander. Quando passò davanti al pilastro in cui era sepolto Osiride, Iside sentì l’odore della dolce fragranza che ne emanava. Quando il re si rese conto che era una dea, le disse che poteva avere qualsiasi cosa nel suo regno. Naturalmente Iside chiese il pilastro, che il re le diede gentilmente. Iside restituì la colonna all’Egitto e la piantò nel terreno.

Ora, c’è di più in questa storia e in quello che è successo a Osiride. Ma lo lascerò per un’altra volta. Tuttavia, come racconta la storia, l’albero che era stato trasformato in un pilastro e poi ridiventato un albero è la base per l’albero della vita egiziano.

Altri miti egizi affermano che tutti gli dei sono nati tutti da alberi di acacia. Tuttavia, poiché Osiride divenne il dio dell’agricoltura, degli inferi e della rinascita, l’albero della vita egiziano è rappresentativo del ciclo della vita, della connessione tra gli inferi, il mondo fisico e gli dei. 

Africa

In Africa, l’associazione più vicina con un albero della vita è il baobab. Storie di creazione in tutto il continente attestano che è stato Dio a creare il baobab. In effetti, questi enormi alberi sono antecedenti agli esseri umani, quindi da quando le persone hanno vissuto in Africa, ci sono stati alberi di baobab.

Spiegazioni sul motivo per cui l’albero di baobab ha l’aspetto in cui è incentrato su Dio, cambiando idea e capovolgendo l’albero e poi ripiantandolo nella Terra.

Alcune tribù africane credevano che i baobab avessero proprietà mistiche. Ad esempio, raccogliere i fiori bianchi dall’albero inviterebbe un leone a mangiarti. Oppure, se hai immerso i semi di baobab nell’acqua e poi hai bevuto l’acqua, i coccodrilli non ti attaccherebbero. Allo stesso modo, immergere un bambino in acqua contenente corteccia di baobab lo renderebbe forte come l’albero di baobab. 3

L’albero del mondo nella mitologia greca e romana

La mitologia greca ha alcune storie diverse sugli alberi magici, che ricordano da vicino l’idea dell’Albero della Vita o dell’Albero del Mondo.

In una storia, Zeus sposa la dea della Terra, Gaia , e dalla loro unione germoglia una quercia gigante. In altre versioni, come nella storia di Osiride, Zeus diventa parte dell’albero.

Come per altre storie dell’Albero della Vita, si dice che le radici dell’Albero del mondo greco raggiungessero il Tartaro, il mondo sotterraneo greco. E i suoi rami potrebbero raggiungere le stelle. 

In un altro mito, la dea della Terra Gaia piantò un melo magico nel giardino di Era come regalo di nozze quando sposò Zeus. Come altri alberi del mondo, il melo di Hera teneva insieme parti dell’Universo. Dapprima Hera incaricò alcune ninfe di prendersi cura dell’albero. Tuttavia, si sono rivelati inaffidabili e hanno rubato troppe mele d’oro dell’albero. Quindi, Hera ha un drago di nome Ladon a guardia dell’albero. 

Ciò che è particolarmente avvincente di questa storia è la somiglianza tra il melo di Era e l’albero nel Giardino dell’Eden.

L'albero della Conoscenza del Bene e del Male

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

€ 10,00

L’albero della conoscenza nella Bibbia

Nella Bibbia, l’Albero della Conoscenza è simile all’Albero del Mondo e all’Albero della Vita in altre culture in quanto è una fonte di saggezza universale.

In alcune storie della creazione, l’Albero della Conoscenza è uno dei due alberi mistici. Ciò che è chiaro nel Libro della Genesi è che Adamo ed Eva non avrebbero dovuto mangiare il frutto dell’Albero della Conoscenza. Mentre nella mitologia nordica, Odino doveva dimostrare di essere degno di accedere a quel tipo di conoscenza, nella Bibbia, Adamo ed Eva all’inizio erano ritenuti indegni.

Tuttavia, più avanti nella Bibbia, nel Libro dell’Apocalisse, agli esseri umani viene mostrato come possono accedere in sicurezza alla saggezza dell’Albero della Conoscenza, che viene poi chiamato l’Albero della Vita. In sostanza, se seguivano i comandi di Dio, potevano guadagnarsi il diritto: “Beati quelli che si lavano le vesti, perché abbiano diritto all’Albero della Vita e entrino per le porte nella città”. (Rivelazione 22:14) 

Ti può interessare  Immagini di castelli fiabeschi antichi con significato del simbolo

L’albero della vita nel Corano

Un albero della vita appare anche nel Corano. Denominato Albero dell’Immortalità, l’albero cresce anche nel Giardino dell’Eden. Come furono avvertiti nella Bibbia, nel Corano, Allah dice ad Adamo ed Eva che non dovrebbero mangiare i frutti dell’Albero dell’Immortalità.

Poiché commettono l’errore di mangiare dall’albero, Allah manda Adamo e Anche sulla Terra, dove devono vivere e imparare a pentirsi dei loro errori. Tuttavia, Allah li assicura che mentre sono sulla Terra avranno una guida. Pertanto, l’Albero dell’Immortalità nel Corano rappresenta il pentimento e l’apprendimento dai propri errori, così come la misericordia di Dio. 

Kabbalah albero della vita

La Kabbalah è un’antica forma di misticismo ebraico i cui seguaci dicono che risalga a quando l’Universo fu creato per la prima volta. Nella storia scritta, la Kabbalah è venuta alla ribalta nel XII e XIII secolo nel sud della Spagna e in Francia. In sostanza, come nel caso del misticismo in altre fedi religiose, i seguaci della Kabbalah credono che tutti noi abbiamo un’unione diretta con Dio, o la fonte della creazione.

L’Albero della Vita della Kabbalah è “radicato” in questo concetto. Nella Kabbalah, l’Albero della Vita è raffigurato come un simbolo che contiene 10 Sefirot, o canali dell’energia divina e della pratica spirituale. Questa forza vitale divina ha luogo sia all’esterno che all’interno del corpo umano. In questo modo, le Sefirot sono simili ai chakra nelle religioni orientali. (Anche se ci sono sette chakra contro i 10 canali raffigurati nelle Sefirot.)

Albero della Vita Kabbalah

Le forme geometriche contenute nel diagramma dell’Albero della Vita della Kabbalah sono considerate disegnate divinamente e rappresentative di principi spaventati.

I seguaci della geometria sacra credono che i modelli matematici o geometrici che si ripetono in natura siano la prova di un design intelligente. In altre parole, sono segni che un potere divino ha creato la Terra, l’Universo e tutta la vita. 

Quindi, l’Albero della Vita della Kabbalah è più un simbolo o un diagramma che un vero albero. Tuttavia, è simile all’Albero della Vita in altre culture. Rappresenta la connessione tra gli esseri umani e Dio, gli angeli e i corpi celesti. Descrive anche un piano o una mappa che mostra alle persone come possono ottenere la saggezza universale e avvicinarsi all’illuminazione e a Dio.

La Cabala della Dea
Guida pratica all’Albero della Vita
€ 18,50

Albero della vita assiro

L’albero della vita assiro, chiamato anche albero della vita babilonese o albero della vita mesopotamico, è forse l’ispirazione per gli alberi della vita e la conoscenza delle molte culture che sono venute in seguito.

La Mesopotamia, considerata la culla della civiltà, comprendeva gli imperi assiro, babilonese e accadico. Tutte queste culture credevano in una grande dea madre che era l’incarnazione di tutti gli esseri viventi. I Sumeri la chiamavano Inanna e gli Assiri, i Babilonesi e gli Accadi la chiamavano Ishtar. E tutti l’hanno associata a un albero gigante.

Nella storia epica Gilgamesh, Enki, il dio dell’acqua, piantò un albero di huluppu, o salice, sulle rive del fiume Eufrate. L’albero crebbe forte finché non venne una tempesta colossale e lo sradicò. L’albero poi è andato alla deriva lungo il fiume e si è arenato su una sponda dove l’ha trovato Inanna.

Innamorandosi dell’albero, Inanna lo portò nel suo giardino e lo piantò. Immaginava che un giorno avrebbe usato il suo legno per creare un trono e un letto per se stessa. Tuttavia, un serpente gigante si avvicinò e si stabilì tra i rami dell’albero.

Lamentando di non poter raggiungere il suo albero a causa del serpente, Inanna implorò il guerriero Gilgamesh di aiutarla. Gilgamesh uccise il serpente in modo che Inanna potesse creare ciò che immaginava dal legno dell’albero. 

Albero della vita Maya

Anche i Maya, così come altre culture mesoamericane, avevano un albero della vita. Chiamato Yaxche, l’albero della vita Maya era un enorme albero di ceiba pentandra. Secondo una storia della creazione Maya, gli dei piantarono un albero di ceiba in ciascuno dei quattro angoli del mondo per sostenere i cieli. Poi piantarono un quinto albero al centro. Le radici di questo albero si collegavano agli inferi e i suoi rami ai cieli.

L’albero di mezzo, chiamato l’Albero del Mondo, era particolarmente sacro perché era il modo in cui gli dei viaggiavano nel mondo di mezzo. Allo stesso modo, questo albero ha fornito alle anime umane un modo per viaggiare negli inferi e nei cieli. 

Albero della vita dei nativi americani

Le tribù dei nativi americani hanno storie diverse sugli alberi mistici e applicano significati diversi a diversi tipi di alberi. Tuttavia, alcune leggende hanno una strana somiglianza con le storie dell’albero della vita in altre culture. Ad esempio, il popolo Natchez (che ha costruito i tumuli della Terra in quello che oggi è il Mississippi) credeva che un gigantesco albero di cedro collegasse i cieli alla Terra e al mondo sotterraneo. 

Ti può interessare  Favola sulla libertà: Il lupo e il cane - Fedro

In altre leggende, prima della creazione del mondo, le persone vivevano nel cielo dove cresceva un albero gigante e la Terra era fatta d’acqua. Un giorno, secondo la leggenda, una donna incinta stava cercando dei frutti nell’albero ma cadde a terra. Prima di cadere, cercò di aggrapparsi all’albero afferrandone la corteccia. Tuttavia, è caduta in acqua. Una tartaruga gigante è arrivata e l’ha salvata mettendogli del fango sulla schiena e lasciandola lì. La donna teneva ancora parte della corteccia, quindi l’ha piantata nel fango. E da lì si è formata la Terra.

Albero del mondo in Cina

I cinesi hanno anche storie di un albero del mondo che collega i tre regni del cielo, della terra e degli inferi. Come nelle storie dei nativi americani, l’albero del mondo cinese funge da ponte che gli dei e gli sciamani usano per viaggiare tra i mondi. Inoltre, l’albero del mondo nella cultura cinese fornisce equilibrio, bilanciando le forze universali. 

Buddismo

Nel Buddismo, l’Albero della Conoscenza è l’Albero della Bodhi (che molto probabilmente era un albero di ficus). Secondo gli insegnamenti buddisti, mentre era seduto sotto l’Albero della Bodhi, Buddha raggiunse l’illuminazione spirituale, o Nirvana.

L’albero del mondo nell’induismo e nella fede baháʼí

Nella mitologia indù, c’è un albero cosmico del mondo che cresce a testa in giù con le sue radici che si collegano al cielo. I suoi innumerevoli rami raggiungono la Terra e portano benedizioni alle persone.

In un mito indù, quando il mondo fu creato, venne una tempesta catastrofica e coprì la Terra d’acqua. Uno degli unici esseri viventi che resistette al diluvio era un albero di baniano. E su una delle sue foglie c’era il piccolo Lord Krishna. 

Per i praticanti della Fede Baháʼí, la completa devozione a Dio è descritta come un Albero della Vita. In sostanza, l’albero rappresenta l’anima“In verità Egli è l’Albero della Vita che porta i frutti di Dio, l’Eccelso, il Potente, il Grande… Consacra a Lui, o mio Dio, tutto questo Albero, che da essa possono essere rivelati tutti i frutti creati da Dio in essa per Colui per mezzo del quale Dio ha voluto rivelare tutto ciò che Gli piace. Per la tua gloria! Non ho voluto che questo Albero portasse mai alcun ramo, foglia o frutto che non si piegasse davanti a Lui”. 

Cosa significa l’Albero della Vita?

Mentre le mitologie sull’Albero della Vita variano da cultura a cultura, in generale l’Albero della Vita simboleggia una fonte di saggezza sui mondi fisico e soprannaturale. Nella maggior parte delle culture, collega il mondo terreno o materiale degli umani al mondo celeste, o soprannaturale, degli dei.

Qual è l’albero della vita?

L’albero della vita è un concetto mitologico che appare nelle storie di molte culture in tutto il mondo. Mentre le descrizioni variano da cultura a cultura, un tema comune è che esiste un gigantesco albero mistico, che collega il mondo fisico e spirituale. L’albero è anche una fonte di saggezza che fornisce una guida su come le persone dovrebbero vivere la propria vita.

Quanti animali ci sono sull’albero della vita?

Poiché le storie e le descrizioni dell’albero della vita variano da cultura a cultura, così fanno i tipi di animali che esistono sugli alberi. Ad esempio, nella mitologia norrena, un’aquila , un falco , tre cervi e un drago. Tuttavia, nella versione biblica dell’Albero della Vita, un serpente vive in quello che viene chiamato l’Albero della Conoscenza.

Cosa simboleggia l’albero della vita nel cristianesimo e nella Bibbia?

Nel cristianesimo e nel giudaismo, l’albero della vita è generalmente considerato l’albero della conoscenza nella Bibbia. L’Albero della Conoscenza simboleggia la consapevolezza, o conoscenza, degli esseri umani dell’esistenza del bene e del male. In altre parole, il male, rappresentato dal serpente, si fa strada nel Giardino dell’Eden.

Cosa significa spiritualmente l’Albero della Vita?

A livello spirituale, l’Albero della Vita può avere alcuni significati. Per uno, simboleggia la nostra connessione con i cieli, Dio o un potere superiore. Simboleggia anche il desiderio degli esseri umani di saggezza, o conoscenza, ma anche le dure realtà di questa consapevolezza.

Che tipo di frutto cresce sull’Albero della Vita?

Il tipo di frutto che cresce sull’Albero della Vita dipende dalla storia culturale in cui l’albero esiste. Ad esempio, alcuni credono che le mele siano cresciute sull’albero della vita (o albero della vita nella Bibbia). Nella versione norrena, l’albero di Yggdrasil è un frassino, che avrebbe prodotto bacche. In Africa, l’albero della vita è il baobab, che coltiva frutti di baobab.

Il Simbolismo del Corpo Umano
Dall’albero della Vita allo schema corporeo

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

€ 0,00

(Fonte: https://www.uniguide.com) 

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.