Fobofobia: avere paura delle paure. Cause, sintomi, test con domande di autoanalisi preliminare.

La fobofobia è definita come la ‘paura delle fobie’, cioè si ha paura di avere paura o paura di sviluppare una nuova fobia. Questa condizione può portare a un circolo vizioso in cui la paura aumenta, comportando alla fine una maggiore presenza di paure. Alcune persone affette da fobofobia hanno già fobie esistenti, mentre altre temono di svilupparne una. La fobofobia è spesso correlata ad altri disturbi d’ansia.

Fobofobia è causata anche dall’ansia anticipatoria

Se una persona ha già una fobia consolidata, è più incline a sviluppare la fobofobia. Questo perché un sintomo comune di qualsiasi fobia è l’ansia anticipatoria, che provoca una crescente paura prima di affrontare l’oggetto della fobia. Quindi, oltre alla paura dell’oggetto originale, la persona può temere anche la sua reazione ad esso, il che nel tempo può evolvere nella fobofobia.

D’altra parte, è possibile sviluppare la fobofobia anche senza aver avuto una fobia preesistente. Ad esempio, si potrebbe temere di sviluppare una fobia verso qualcosa di amato o di sviluppare una reazione fobica che limiti le attività quotidiane.

La fobofobia è radicata nella vulnerabilità sottostante all’ansia. Se una persona è già limitata da una fobia, è facile immaginare la paura di svilupparne altre. Inoltre, la fobofobia è una delle poche paure che possono autoverificarsi nel senso che la paura stessa può portare allo sviluppo di una fobia.

Questo avviene perché l’ansia anticipatoria di sviluppare una fobia può portare a una reazione fobica. La persona potrebbe cominciare a limitare gradualmente le proprie attività per evitare situazioni che scatenino paura, il che nel tempo può portare all’agorafobia o a una fobia specifica.

Ti può interessare  Come allontanare persone tossiche: Parabola del Vecchio Samurai

La fobofobia si differenzia dalle altre fobie perché la paura non è rivolta verso un oggetto o una situazione specifica, ma alla reazione stessa alla paura. Le persone con fobofobia tendono ad evitare le situazioni che provocano maggiore ansia, il che può influire negativamente sulla vita lavorativa, scolastica e sociale.

Qual è la causa della fobofobia?

La causa esatta della fobofobia non è completamente compresa, ma si ritiene che sia il risultato di una combinazione di fattori biologici, psicologici e ambientali.

Alcuni fattori scatenanti e che contribuiscono alla fobofobia sono:

  1. Predisposizione genetica: come molti altri disturbi d’ansia, la fobofobia può avere una componente genetica. Le persone con parenti stretti che soffrono di ansia o disturbi d’ansia possono essere più inclini a sviluppare la fobofobia.
  2. Esperienze passate traumatiche: le esperienze negative o traumatiche legate alle fobie possono contribuire alla fobofobia. Ad esempio, se una persona ha avuto un’esperienza particolarmente spaventosa o imbarazzante legata a una fobia, potrebbe sviluppare una paura generalizzata delle fobie stesse.
  3. Apprendimento e condizionamento: le esperienze di apprendimento possono influenzare lo sviluppo della fobofobia. Ad esempio, se una persona ha visto qualcuno vicino a lei reagire in modo estremo o evitare le fobie, potrebbe imparare a temerle anch’essa.
  4. Factores ambientali e sociali: le influenze ambientali e sociali, come il supporto familiare, gli eventi stressanti o il clima emotivo in cui una persona cresce, possono contribuire alla fobofobia. Ad esempio, un ambiente familiare in cui le paure sono ignorate o amplificate può influenzare lo sviluppo della fobofobia.
  5. Stili di pensiero distorti: le persone con fobofobia possono avere schemi di pensiero distorti o irrazionali riguardo alle fobie e alla paura stessa. Ad esempio, possono sovrastimare il rischio di sviluppare una nuova fobia o sottovalutare la propria capacità di gestire la paura.
  6. Coping inadeguato: alcune persone possono sviluppare la fobofobia come meccanismo di coping inadeguato per affrontare lo stress o l’ansia. Evitare le situazioni temute può temporaneamente ridurre l’ansia, rinforzando così il comportamento evitante e contribuendo alla persistenza della fobofobia.
Ti può interessare  Perché non riesco a sopportare le critiche? E' legato all'evoluzione

In generale, la fobofobia è il risultato di una complessa interazione di questi e altri fattori. La combinazione di predisposizione genetica, esperienze di vita e fattori ambientali può determinare la suscettibilità di una persona alla fobofobia.

Sintomi fobofobia

I sintomi della fobofobia possono variare da persona a persona e possono includere una combinazione di sintomi fisici, emotivi e comportamentali.

Alcuni dei sintomi comuni della fobofobia possono includere:

  1. Ansia anticipatoria: una persona con fobofobia può provare un’intensa ansia o preoccupazione anticipando la possibilità di sviluppare una fobia o di affrontare situazioni temute.
  2. Paura irrazionale: la persona può sperimentare una paura intensa e irrazionale nei confronti della propria reazione alla paura stessa, piuttosto che verso un oggetto o una situazione specifica.
  3. Evitamento: una tendenza a evitare situazioni, luoghi o attività che potrebbero scatenare ansia o paura, anche se non sono direttamente legate a una fobia specifica.
  4. Sintomi fisici: questi possono includere palpitazioni, sudorazione eccessiva, tremori, vertigini, sensazione di soffocamento, nausea, secchezza delle fauci e sensazione di panico.
  5. Ipervigilanza: una persona con fobofobia può essere iperattenta ai segni e ai sintomi dell’ansia o della paura, monitorando costantemente il proprio stato emotivo e fisico.
  6. Disturbi del sonno: la fobofobia può causare difficoltà nel dormire o disturbi del sonno, come insonnia o incubi legati alla paura.
  7. Cambiamenti comportamentali: una persona con fobofobia potrebbe adottare comportamenti di evitamento o sicurezza per cercare di ridurre l’ansia o la paura, come evitare determinate situazioni o chiedere costantemente rassicurazioni agli altri.
  8. Distress significativo: la fobofobia può causare un notevole disagio emotivo o interferire significativamente con il funzionamento quotidiano, inclusi i rapporti interpersonali, il lavoro e le attività sociali.

Fobofobia test per autoanalisi

Qui di seguito c’è un esempio generico di domande che potrebbero essere incluse in un test per valutare la fobofobia, ma è importante notare che solo un professionista qualificato, come uno psicologo o uno psichiatra, può diagnosticare ufficialmente la fobofobia attraverso un’analisi clinica completa.

Ti può interessare  Impazienza psicologia: perché non sappiamo attendere?

Per poter fare un’autoanalisi preliminare ecco le possibili domande:

  1. Quanto ti senti ansioso o preoccupato all’idea di sviluppare una nuova fobia?
  2. Hai paura di affrontare le tue paure per paura di svilupparne altre?
  3. Eviti attivamente situazioni, luoghi o oggetti che pensi potrebbero scatenare una nuova fobia?
  4. Quanto spesso ti preoccupi del fatto che le tue paure potrebbero diventare fuori controllo?
  5. Hai mai evitato di partecipare a eventi sociali o attività quotidiane per paura di incontrare una situazione che potrebbe scatenare una fobia?
  6. Ti senti impotente o sopraffatto dalla paura delle fobie stesse?
  7. Quanto spesso pensi alle fobie o alla possibilità di svilupparne una nuova?
  8. Hai mai cercato di evitare qualsiasi discussione o informazione riguardante le fobie per paura di aumentare la tua ansia?

Trattamento della fobofobia

Il trattamento per la fobofobia di solito include terapie come la terapia cognitivo-comportamentale e le terapie espositive. Tuttavia, poiché la fobofobia è spesso collegata ad altri disturbi d’ansia, è importante trattare contemporaneamente tutte le condizioni. Un terapista può diagnosticare accuratamente i disturbi applicabili e creare un piano di trattamento personalizzato per aiutare la persona a gestire la fobofobia e migliorare la qualità della vita.

(Fonti consultate: verywellmind.com)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership