Storia dei tre setacci di Socrate: filtrare le informazioni.

E’ un aneddoto saggio per riflettere prima di parlare. Invita a non chiacchierare a vanvera e a non spettegolare.

Il racconto ci ricorda anche di filtrare tutte le informazioni che riceviamo, soprattutto nella nostra era digitale. Se teniamo presente questo breve racconto, possiamo destreggiarci meglio quando veniamo tempestati da messaggi e notizie inutili, false e pretestuose.

Test dei tre setacci

Nella Grecia antica Socrate era apprezzato da tutti per la sua saggezza. Si racconta che un giorno avesse incontrato un conoscente che gli disse:
“Socrate, sai che cosa ho appena sentito di un tuo studente?”
“Aspetta un momento, – rispose Socrate. – Prima che tu me lo dica vorrei che tu sostenessi un piccolo esame che è chiamato “esame dei tre filtri”.
“Tre filtri?”
“Esatto – continuò Socrate, – prima che tu mi parli del mio studente, filtriamo per un momento ciò che stai per dire: 1° filtro, filtro della verità: ti sei accertato al di là di ogni dubbio che ciò che stai per dirmi è vero?”
“No – disse l’uomo, – in effetti me lo hanno raccontato”. “Bene, – disse Socrate. – Quindi tu non sai se sia vero o meno. 2° filtro, filtro della bontà: ciò che stai per dirmi sul mio studente è una cosa buona?”
“No, il contrario”.
“Allora – Socrate continuò – tu vuoi dirmi qualcosa di male su di lui senza esser certo che sia vero?”
L’uomo si strinse nelle spalle un po’ imbarazzato. Socrate proseguì:
“Puoi ancora passare l’esame perché c’è il 3° filtro, il filtro dell’utilità: ciò che vuoi dirmi circa il mio studente mi sarà utile?”
“Veramente… non credo”.
“Bene – concluse il Saggio – se ciò che vuoi dirmi non è vero, non è buono e neppure utile, perché me lo vuoi dire?”.

Ti può interessare  17 Novembre frase di oggi sulla vita Socrate

Questo era il motivo per cui Socrate era un grande filosofo ed era tenuto in così grande considerazione.

Le informazioni che riceviamo sono vere, buone e utili?

Quando ascoltiamo le notizie o le chiacchiere di chi incontriamo ogni giorno, possiamo semplicemente chiederci se le informazioni che stiamo ricevendo sono vere, buone e utili.

Il beneficio di mettere in atto questo tipo di attenzione è quello di non disperdere le nostre risorse mentali dietro a cose che non ci daranno alcun frutto, se non quello di “sporcarci” la psiche.

Infatti, ogni volta che con i nostri sensi acquisiamo dati, questi hanno un impatto su di noi: innescano pensieri, emozioni, sensazioni. Se la qualità dei dati ricevuti non è buona, non può che darci effetti negativi: rabbia, tristezza, invidia ecc…

Dunque non sottovalutiamo l’importanza di filtrare le informazioni e di poter decidere quali messaggi far passare e quali no nella nostra psiche.

Allo stesso modo è fondamentale che anche noi adottiamo il ‘Test dei Tre Setacci’ quando vogliamo raccontare qualcosa a qualcuno.

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.