Destino o libero arbitrio? L’essere umano può scegliere? Sono domande che rappresentano dei veri dilemmi e che sono state trattate da più punti di vista dai filosofi, saggi e maestri spirituali.

Ma in definitiva qual’è la sintesi che concilia queste due opzioni? Che ruolo hanno nella vita degli uomini?

Ecco come rispondono due grandi Maestri spirituali.

Karma e Grazia divina secondo Sri Aurobindo e Sri Ramakrishna

Sri Aurobindo credeva fermamente nella grazia divina: ‘Il destino in senso rigido si applica solo all’essere esterno fintanto che vive nell’Ignoranza. … Ma non appena si entra nel sentiero della vita spirituale, questo vecchio destino predeterminato comincia a recedere. Arriva un nuovo fattore, la Grazia Divina, l’aiuto di una Forza Divina superiore diversa dalla forza del karma , che può elevare il sadhaka oltre le possibilità presenti della sua natura. Il proprio destino spirituale è allora l’elezione divina che assicura il futuro».

La stessa visione del karma e della grazia è espressa da Sri Ramakrishna attraverso l’esempio di una mucca legata a un palo da una corda. La libertà di movimento della vacca è limitata al cerchio di spazio determinato dalla lunghezza della fune. Allo stesso modo, una persona comune è vincolata dal proprio karma, che limita la propria libertà come la fune nel caso della mucca.

Sri Ramakrishna ha anche aggiunto a questo esempio che quando una persona si rivolge a Dio e alla pratica spirituale, la lunghezza della fune del karma aumenta; in altre parole, la propria libertà aumenta in proporzione al proprio progresso spirituale e all’azione della grazia divina.

Conclusione: la filosofia del Vedanta riconosce che sia il determinismo che il libero arbitrio sono applicabili agli esseri umani e che quanto siamo legati o quanto liberi dipende dalla nostra consapevolezza spirituale. Se non siamo consapevoli del nostro Sé spirituale e non sappiamo come distinguerci dai movimenti della nostra natura, saremo spinti all’azione da desideri ed emozioni, saremo sopraffatti dalla gioia e dal dolore, dalle conseguenze del successo e del fallimento in azione. D’altra parte, se siamo consapevoli dei movimenti della natura – desideri ed emozioni – dentro di noi e possiamo distinguerci da essi, saremo in grado di avere il controllo sulla natura ed esercitare il libero arbitrio. Il modo ideale per raggiungere la libertà è offrire ogni azione a Dio e lasciare i risultati nelle mani di Dio. Nelle parole della Gita: “Avendo abbandonato l’attaccamento, chi agisce dedicando le sue azioni al Brahman non è macchiato dal peccato”.

(Fonte: Free Will and Determinism in Vedanta)

Condividi

Shares
Ti può interessare  Rallenta, e ciò che stai inseguendo, si avvicinerà e ti prenderà
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.