Transurfing significato e riassunto dal libro di Vadim Zeland.

“Il transurfing non è tanto un nuovo metodo di auto-miglioramento quanto un modo fondamentalmente diverso di pensare e comportarsi per ottenere ciò che desideri dalla vita. Implica esattamente questo: ottenere ciò che desideri dalla vita, piuttosto che dover lottare per questo. Il metodo del Transurfing non mira a cambiare il sé. Offre un modo per ritornare al sé.”

Vadim Zeland

Le 10 regole d’oro del Transurfing

Sono delle tecniche che mirano a cambiare il modo di vivere la realtà rimodellandola a partire dalla propria mente.

Lo spazio delle variazioni

Lo sradicamento dell’energia mentale induce la materializzazione della variazione.Vadim Zeland

Tutto ciò che può esistere esiste già. Poiché esiste una quantità infinita di variazioni, forme-pensiero, disposizioni di energia, esiste anche un numero infinito di possibili tracce di vita. C’è un “io” come un re, un mendicante, un tossicodipendente, un uomo, una donna, un nome, un ateo, un agnostico, un credente, ecc. Questi innumerevoli ruoli che interpretiamo possono trovare la loro fonte nello spazio di variazioni.

Ciò significa che il mondo come lo conosciamo è una struttura di memoria, dati e informazioni che contiene una quantità infinita di manifestazioni con le loro preferenze, credenze e attaccamenti individualizzati.

In questo modello di realtà, tutto il potere creativo risiede nella nostra MENTE. È la qualità della nostra attenzione, intenzione, pensieri e convinzioni che influenza il nostro destino. Il mondo che vediamo è ciò che scegliamo di tenere a mente; e non c’è realtà oggettiva al di fuori del significato individuale che le diamo. Sotto questo aspetto, non è diverso dalla fisica quantistica o da altri principi metafisici che ci insegnano che il mondo che percepiamo non è che una proiezione esteriore di una condizione interiore (o scelta). Se scegliamo di mantenere l’odio, allora il nostro mondo rifletterà su di noi quell’ostilità e quella divisione. Se scegliamo Amore e armonia, anche il mondo a cui assistiamo diventerà una rappresentazione di quella vibrazione. La qualità dell’amore, dell’odio, della beatitudine e dell’infelicità non sono nel mondo ma solo nelle nostre menti che proiettano il mondo.

Come un uomo pensa nel suo cuore, così egli è.

In pratica, questo significa che non dobbiamo lottare per la nostra felicità e senso di abbondanza. Dobbiamo semplicemente sceglierlo consapevolmente.

Pendoli

Quando c’è molta energia investita in una particolare direzione, questo crea un pendolo. Ci sono pendoli familiari, sociali, religiosi, politici e nazionali.

Quando non siamo consapevoli della loro influenza, i pendoli possono essere dannosi. L’uso dell’indottrinamento da parte della religione organizzata e l’alimentazione dell’isteria di massa attraverso la disinformazione e l’inganno ne sono un esempio. La socializzazione e la programmazione dei bambini che portano a una crescita emotiva stentata e blocchi psicologici negli adulti, è un altro.

I pendoli sono idee, concetti, dottrine, ideologie che hanno seguaci, ammiratori, aderenti e credenti. I mezzi di informazione, ad esempio, sono un pendolo gigante che fornisce informazioni al pubblico. Deriva il suo potere dai suoi abbonati. I mezzi di informazione, tuttavia, possono anche essere controllati da altri pendoli più influenti come gruppi di interesse speciale, potenti società e partiti politici.

I pendoli distruttivi assorbono tempo ed energia dai loro seguaci senza restituire molto in cambio. Esempi di questi sono i pendoli della malattia, del tribalismo, della guerra e della faziosità politica. Nulla viene realizzato e l’attacco è la strategia principale di tutti i pendoli dannosi.

Combattere un pendolo, però, è inutile. Questo perché la resistenza e la paura dei pendoli danno solo energia e li rendono ancora più dominanti nella tua realtà. I pendoli ci sopraffanno se inconsciamente diamo loro il potere di farlo

L’unico modo per non cadere sotto l’influenza di un pendolo è innanzitutto essere consapevoli della sua insidiosa influenza su di noi. Il modo per farlo è diventare consapevoli del suo processo meccanico e di come usa la paura e il terrore per attirare l’attenzione della nostra mente.

Nella consapevolezza, togliamo potere ai pendoli disidentificandoci con essi. Ritirando il nostro investimento in essi, i pendoli cessano di gestire le nostre vite. Perdere interesse per loro significa anche non esserne più ostaggio. La presa di un pendolo su di te è buona quanto la sua capacità di catturare la tua attenzione; e l’uso della tua attenzione deriva da come vedi e apprezzi i pendoli.

Spegnere un pendolo, quindi, richiede maestria, discernimento e consapevolezza. Quando non ne traiamo più alcun guadagno o perdita, il pendolo cessa di lanciare il suo incantesimo su di noi. Diventiamo il testimone dei fenomeni energetici invece del cieco partecipante del pendolo.

Ti può interessare  Combattere la solitudine senza amici: accettazione e gestione

Il mondo come lo conosciamo è un gioco di opposti ed estremi. Quindi, così come ci sono pendoli che sono distruttivi e corrono sulla paura, ci sono anche quelli che avvantaggiano i suoi membri e servono il bene generale. Ne sono un esempio le organizzazioni senza scopo di lucro o di beneficenza che aggiungono valore alla vita delle persone e sposano l’integrità come loro principio guida. Questi sono i pendoli dell’amore, e un sano atteggiamento e rispetto verso tutti.

L’onda della Fortuna

Secondo Vadim Zeland, non esiste un pendolo costruttivo. Il ragionamento è tale che se un pendolo riceve energia dai suoi aderenti, non c’è nulla di particolarmente creativo in esso. Anche se l’aderente o il membro ne riceve beneficio, deve comunque aderire a determinate regole all’interno del funzionamento del pendolo. Di nuovo, questo limita l’aderente entro i confini della struttura energetica.

C’è tuttavia un antipodo ai pendoli ed è l’onda della fortuna.

È un insieme di circostanze che ti sono favorevoli personalmente. È un insieme di linee di vita che sono di buon auspicio per te personalmente. Vadim Zeland

Poiché ogni traccia di vita concepibile esiste già nello spazio delle alternative, allora l’unica cosa disponibile è sceglierla. Puoi scegliere la felicità e il successo allo stesso tempo, ma rimanere comunque limitato e influenzato dal pendolo di ciò che pensano gli altri. Per essere veramente liberi bisogna essere indipendenti e non essere più trascinati dai ricordi del passato. Riciclare il passato crea solo altro passato.

Una cascata di fortuna segue se uno si lascia gioire. Emettendo negatività, distruggi ogni possibilità di cavalcare l’onda della fortuna. Trasmettendo positività, crei il tuo paradiso.

Reality Transurfing - Le Regole dello Specchio
La Gestione della Realtà + Le Mele Cadono in Cielo

Potenziale in eccesso

La vita tende all’equilibrio. Il corpo ne è un esempio. Se ci sono eccessive impurità, il corpo invocherà naturalmente le sue difese per correggere quello squilibrio.

L’eccesso di potenziale è quando si attribuisce un’importanza esagerata a qualsiasi cosa . Questo crea una percezione distorta e prevenuta della realtà e le forze di bilanciamento entreranno in gioco per mostrare ciò che deve essere affrontato.

Hai mai notato che tutto ciò a cui dai troppa importanza di solito ti sfugge?

Il malcontento o l’autoironia, ad esempio, creeranno più ostacoli per mostrare dove si è sbilanciati. La rabbia attirerà circostanze aggravanti. La soluzione quindi è dare importanza a ciò che ti turba.

L’orgoglio, invece, fa precipitare uno schiaffo dall’universo. La soluzione quindi è lasciare andare ogni giudizio su se stessi e sugli altri e diventare spiritualmente indipendenti.

L’idolatria di un altro porta spesso alla delusione e all’eventuale perdita di fiducia nella cosa o nella persona che si idolatra. Questo è corretto dall’amore incondizionato. È “ammirazione senza adorazione o bisogno di possedere” (Vadim Zeland)

Trovare l’equilibrio significa abbandonare tutto l’attaccamento e l’avversione all’eccesso. L’equilibrio richiede consapevolezza che si traduce in pensiero, sentimento e azione magistrali. È manifestare il miglior bene possibile in ogni situazione.

Non cercare di superare gli ostacoli; riduci la quantità di importanza che proietti su di loro.

Vadim Zeland

Transizione indotta

La rabbia della strada non nasce da nessuna parte. È un accumulo di rabbia non rilasciata e irrisolta che si accumula nel tempo e si esprime quando viene innescata da stimoli esterni.

Allo stesso modo, una transizione indotta, innescata da una situazione spiacevole, è un accumulo di energia negativa che va fuori controllo e precipita in un inferno personale.

Secondo i principi del transurfing, stratifichiamo i nostri mondi con i nostri pensieri e le nostre convinzioni emotive. Quindi, quando abbiamo un’immagine negativa di noi stessi, le nostre lamentele peggiorano le cose e aggravano i nostri difetti. Funziona così: “ti imbatti in circostanze che ti deludono e quindi esprimi la tua insoddisfazione che poi aggrava ancora di più la situazione. Il tuo malcontento ti torna indietro come un boomerang a tripla forza.” (Vadim Zeland)

Consumando cattive notizie o informazioni negative, attiriamo inconsciamente cose “cattive” nelle nostre vite. Questo ci trasforma dall’essere solo l’osservatore della nostra realtà in un partecipante a pieno titolo nell’incubo. Questi sono i vortici della crisi economica, della disoccupazione, delle pandemie e della depressione.

Non è necessario evitare la negatività. Quando riusciamo a rimanere energeticamente neutrali, naturalmente non esprimiamo alcun interesse per ciò che è negativo.

Una transizione indotta è accompagnata da un evento negativo in uno strato di vita personale.

Vadim Zeland

Il flusso delle Alternative

Quando segui il flusso, il mondo ti viene incontro a metà strada. Vadim Zeland

Dove non c’è resistenza, balliamo con ciò che viene presentato.

Dove c’è ostilità contro ciò che viene presentato, ci preoccupiamo, stressiamo e maciniamo, il che porta solo a più lotta. Quando siamo in guerra con la nostra esperienza, i problemi si intensificano e nulla viene realizzato.

Ti può interessare  Tao Te Ching Ebook formato Epub da scaricare gratis

Disimparare la resistenza significa vedere il valore del lasciar andare. E lasceremo andare solo se riusciremo a vedere che costruire un nuovo mondo su vecchi mattoni logori e faticosi non funziona.

Il cuore sa e sente. La mente condizionata è stata programmata per pensare in un certo modo attraverso il processo di socializzazione e l’accumulo di credenze ed esperienze di vita negative.

Quindi imparare a prestare attenzione al proprio stato spirituale o stato d’animo è fondamentale. Una mente paurosa genera immagini spaventose e la qualità del pensiero lo riflette. È vero anche il contrario.

Il livello di pace interiore che si prova, quindi, rappresenta un’ancora di salvezza ideale e ottimale. È prendersi cura senza preoccuparsi e sforzarsi senza dare a nulla un’importanza esagerata.

Cercare di controllare la nostra situazione esteriore deriva dalla paura e non da un’equanimità interiore. Abbandonare il controllo porta quindi paradossalmente al controllo. È uno stato interiore di imperturbabilità che non dipende dalla piacevolezza o dalla spiacevolezza delle situazioni esterne.

Passare dal voler controllare per paura a quello di essere l’osservatore disidentificato dalla voce divisiva e spesso poco lusinghiera nella nostra testa che nega, devia e denuncia.

Transurfing
10 tecniche essenziali – Impara a usare lo straordinario sistema per cambiare la tua realtà e ottenere il meglio
€ 18,90

Intenzione

Non è il desiderio che si realizza, ma l’intenzione che è la risolutezza di avere e di agire. Vadim Zeland

Diapositive e visualizzazione

Secondo il modello Reality Transurfing, c’è un’intenzione sia interna che esterna.

L’intenzione interiore è ” io ” che impone la mia volontà personale. È limitato perché si basa su “vecchi nastri” e su un limitato senso di sé.

L’intenzione esteriore, d’altra parte, è indennità e fiducia. “È la concentrazione dell’attenzione su come l’obiettivo si realizza.” (Vadim Zeland)

L’indennità è priva di resistenza e giudizio perché è indicativa di un cuore e di una mente aperti. Mentre l’intenzione interiore si sforza di avere un impatto diretto sul mondo, l’intenzione esterna consente a forze sconosciute di entrare in gioco per portare l’obiettivo nella propria esperienza.

L’intenzione interiore è sforzarsi e pensare dalla propria memoria. L’intenzione esterna è facilità e fiducia in ciò che è sconosciuto. È la coordinazione del cuore e della mente. È una pace interiore che sa che l’obiettivo è già raggiunto nello spazio delle variazioni.

Per far funzionare l’intenzione esterna, è importante ridurre l’importanza al raggiungimento dell’obiettivo. Secondo Vadim Zeland, accettare la possibilità del fallimento significa anche abbandonare l’attaccamento all’obiettivo come precursore della propria felicità. La paura del fallimento e l’eccessiva mentalizzazione e analisi nel “come” tengono fuori portata l’obiettivo perché è potenziale in eccesso.

Semplicemente intendi e muoviti nella direzione dell’obiettivo senza inutili lotte.

Le diapositive sono immagini mentali che ci portiamo dietro nella mente. Quando queste immagini mentali vengono intrise di molte emozioni, vengono proiettate nella tela del nostro mondo esterno. Il fondamento di tutte le diapositive è l’importanza e il significato che attribuiamo loro.

Quando le nostre diapositive appaiono come la lente d’ingrandimento dei nostri presunti difetti, l’intenzione esterna ci trasferirà in un settore della realtà in cui possiamo sperimentare il nostro inferno personale. Eliminare la diapositiva negativa significa ridurre l’importanza dell’immagine e liberare tutte le emozioni ad essa associate.

Le diapositive possono anche funzionare a nostro vantaggio.

“Concediti il ​​lusso di meritare il meglio in assoluto.” – Vadim Zeland

Le diapositive positive ci aiutano ad aprire la nostra attuale percezione della realtà per includere l’impossibile e il non plausibile. Usare le diapositive in modo costruttivo significa vivere virtualmente nell’immagine.

L’uso efficace delle diapositive consiste nel visualizzare il processo o la direzione per raggiungere il tuo obiettivo e intraprendere un’azione calma e priva di emozioni.

Se il processo non è chiaro, la diapositiva ti porterà nella direzione.

Anima fragile

Secondo Reality Transurfing, ogni individuo è unico. Quindi, quando cerchiamo di essere come un’altra persona, voltiamo le spalle alla magnificenza della nostra individualità. L’anima fragile è innata e implicita e spesso coperta dai sentimenti repressi e dalle convinzioni limitanti.

Quando la nostra mente è in “Fraile Soul”, siamo innamorati di noi stessi e delle nostre vite. Ci piace quello che facciamo. Trasudiamo fascino, esuberanza naturale e attrattiva. Questo è il risultato di una mente e di un cuore armoniosi.

Quando ci sintonizziamo l’uno sull’unicità dell’altro, siamo fragili. L’opposto è la paura delle differenze. Questo accade quando ci preoccupiamo esclusivamente dei nostri problemi e attacchiamo gli altri per essere la causa del nostro turbamento.

Per essere fragile con un altro, DARE invece di cercare di ottenere. In tal modo, riceveremo anche proprio ciò a cui pensavamo di aver rinunciato.

Il potere e l’influenza personali di un individuo sono proporzionali alla loro energia libera.

Vadim Zeland

Concetto di fragilità nel Transurfing

La fragilità è un argomento complicato. Sembra essere una nuova parola creata apposta per il Transurfing.

Ti può interessare  Non avere figli per scelta ed essere felici: psicologia

Il modo migliore per comprenderlo appieno è immergersi nel capitolo sulla fragilità.

La creazione della realtà può essere facile da capire fino a quando non inizi a coinvolgere altri umani coscienti nel processo. Ognuno ha i propri sogni e le proprie intenzioni. Come possiamo creare e scegliere le realtà, quando lo fanno anche tutti gli altri.

Potresti pensare di poter manipolare qualcuno, ma questo non funziona e anche se hai abilità in questo senso, alla fine sperimenterai l’effetto di bilanciare le forze in relazione alle tue azioni.

Zeland delinea un modo semplice ma potente per muoverti verso la realtà dei tuoi sogni in piena collaborazione con gli umani che incontri lungo la strada. Puoi utilizzare queste tecniche per trovare un lavoro, espandere i contatti commerciali e trovare l’amore.

Capirai come sintonizzarti sulla fragilità di qualcuno (la sua firma dell’anima). Usando queste tecniche migliorerai sostanzialmente le tue relazioni.

La chiave, come spiega Zeland, è abbandonare l’intenzione di ricevere e concentrarsi sull’intenzione di dare e riceverai ciò che hai abbandonato.

Concentrarsi sull’autostima di qualcun altro e comprendere le sue motivazioni ti darà un potente strumento di creazione della realtà.

In questo capitolo Zeland si concentra sulla sintonia con la fragilità, l’energia nelle relazioni, il flusso delle relazioni, il perdono e come usarlo quando si cerca un lavoro.

Obiettivi e porte

Un obiettivo è qualcosa che ti dà vero piacere, qualcosa che ti dà una sensazione di gioia, una sensazione di festa della vita.Vadim Zeland

Non è necessario lottare per la felicità. Si riconosce semplicemente che la felicità esiste proprio qui e proprio ora sull’attuale ancora di salvezza o non esiste affatto. Quando siamo infelici, è perché percepiamo la vita attraverso “vecchi nastri” e il filtro delle nostre convinzioni limitanti. Facciamo dipendere erroneamente la nostra felicità da cose fugaci e simboli impermanenti. Soffriamo i nostri sentimenti e le nostre circostanze quando possiamo scegliere di lasciar andare e decidere un altro modo di vedere le cose.

Come discusso in precedenza, i pendoli rappresentano una percezione distorta della realtà perché sono strutture energetiche che limitano il nostro desiderio naturale di voler crescere, evolvere e diventare liberi.

Per sottrarci all’influenza delle proprie convinzioni limitanti e dell’opinione pubblica, rompere lo stereotipo per abbracciare la nostra anima fragile. In questo modo, il nostro mondo si apre.

Chiediti, cosa vuole la tua anima?

Scegliere l’obiettivo di un altro significa lottare contro se stessi. Questo allora diventa un dovere e un obbligo invece della libertà. Dove c’è un obbligo, l’intuizione è soffocata e la creatività smorzata. Seguire un altro non porterà mai alla felicità perché, in fondo, sappiamo che questo non è autentico. I falsi obiettivi sono il prodotto della socializzazione che sono le forze ” pendulumiche ” delle strutture stabilite nella società che sposano la mentalità da gregge e il pensiero sterile.

Ecco alcune cose da considerare.

Se vuoi ottenere qualcosa per dimostrare qualcosa a te stesso o agli altri, non è il tuo vero obiettivo.

Se prendi una decisione che ritieni giusta e comoda, stai ascoltando la tua anima.

Lascia andare la tua paura e la tua mente diventerà propositiva. La paura è il più grande ostacolo ai nostri obiettivi. Mantiene nascosta l’autenticità. Una volta che la paura è passata, percorri il tuo cammino in modo coerente e tutto andrà bene e anche meglio di quanto ti aspetti.

Conclusione

I concetti presentati in Reality Transurfing sono universali. Distillano l’idea della fisica quantistica e della trasformazione in un modo accessibile ai profani. Rappresentano le leggi karmiche come intese dagli Yogi e mostrano il potere dell’intento e della visualizzazione come nella Legge di Attrazione. Tutto sommato, insegnano la verità universale della Legge di Causa ed Effetto, e che l’Uomo, comprendendo e avendo padronanza di queste leggi, può creare il proprio destino.

Ricapitolando, ecco i principi base del Reality Transurfing:

  •  Sii l’osservatore della tua realtà
  •  In questo modo, non cadremo sotto l’influenza degli altri e dei pendoli
  •  Sii in armonia dentro e fuori
  •  Abbiate la coordinazione del cuore e della mente
  •  Ascolta la tua anima e vivi secondo il tuo credo
  •  Non aver paura di niente
  •  Usa tutto nella tua realtà come un trampolino di lancio. Vedere il vantaggio o l’opportunità.
  •  Scegli consapevolmente e coerentemente e tutto andrà bene e forse anche meglio di quanto ti aspetti. Come dice Vadim, lascia che le ” mele cadano in cielo “

Nel Transurfing, la visualizzazione è intesa come l’atto di concentrarsi su un’immagine mentale del processo di realizzazione di un anello attuale nella catena di trasferimento.

Vadim Zeland

(Fonte articolo: roygan.com)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.