Cos’è la felicità riflessioni e definizione psicologica.

In psicologia la felicità emotiva è una sensazione di benessere che è suscitata dal sentirsi appagati e soddisfatti della vita. E’ un senso di euforia che si prova quando si ha ottimismo e positività.

Non si deve però ingenuamente credere che una volta “raggiunta” la meta, si stia in uno stato di estasi indisturbato, perché gli imprevisti e il cambiamento sono impossibili da evitare.

Tanto più si accetta di dover far fronte anche ai problemi, tanto più ci si sentirà sicuri di sè e pronti ad accogliere ciò che verrà. Costruendo solide basi emotive, si avrà la chiave della felicità.

Dove si trova la felicità?

Secondo Martin Seligman, il 60% della felicità dipende dai nostri geni e dall’ambiente (società, famiglia, cultura), ma il restante 40% dipende da noi. In più, la felicità sembra essere contagiosa: da quanto emerge da uno studio della Harvard University, chi sta vicino ad una persona felice ha più possibilità di diventare felice, con una stima del 25% di probabilità in più rispetto a chi frequenta un ambiente sociale neutro o infelice.

Si deduce che, innanzitutto per poter pensare di provare felicità, si deve lavorare su quel 40% di fattori che dipendono da noi e fare scelte consapevoli sull’ambiente che ci circonda e sulle persone con cui intratteniamo rapporti.

In un altro studio condotto dall’Università di Kyoto e pubblicato nel 2015 su Scientific Reports, si è invece scoperto che a livello cerebrale, la felicità starebbe nel precuneo, una regione del cervello che si accende grazie ai pensieri positivi. Per le neuroscienze più materia grigia è presente nel precuneo e quindi più quest’area è sviluppata, e più ci sentiamo felici.

Ciò avvalora quello che si è detto finora e cioè che alimentare pensieri positivi, creatività, meditazione e autostima, attivano anche nel cervello l’area adibita a farci provare questa emozione.

Poiché la felicità tende ad essere un termine così ampiamente definito, psicologi e altri scienziati sociali usano in genere il termine “benessere soggettivo” quando parlano di questo stato emotivo. Proprio come sembra, il benessere soggettivo tende a concentrarsi sui sentimenti personali generali di un individuo sulla propria vita nel presente.  

Due componenti chiave della felicità (o benessere soggettivo) sono:

  • L’equilibrio delle emozioni: tutti sperimentano emozioni, sentimenti e stati d’animo sia positivi che negativi. La felicità è generalmente legata all’esperienza di sentimenti più positivi rispetto a quelli negativi.
  • Soddisfazione nella vita: si riferisce a quanto ti senti soddisfatto delle diverse aree della tua vita, comprese le relazioni, il lavoro, i risultati e altre cose che consideri importanti.
Ti può interessare  Cercare il senso di soddisfazione personale dentro di sé

Durata della felicità

Tutti vogliamo essere felici, ma alcune persone perdono la voglia di vivere. Tuttavia, la maggior parte degli esseri umani è impegnata, consciamente o inconsciamente, in azioni volte a migliorare i propri livelli di felicità.

A volte, queste azioni possono avere l’effetto opposto o renderci felici a breve termine, ma infelici a lungo termine. Ecco perché ci sono molte definizioni di felicità, e il concetto è cambiato così tanto nel corso dei secoli.

La felicità può essere descritta come cose molto diverse:

    • A breve termine: i tuoi sentimenti ed emozioni attuali, come piacere, gioia o tristezza. Questo è ciò che sperimenti qui e ora.
    • A medio termine: la tua soddisfazione di vita soggettiva. In uno studio su come la felicità differisca tra le culture, è stata descritta da Ruut Veenhoven come “l’apprezzamento generale della propria vita nel suo insieme”.
    • A lungo termine: il tuo approccio consapevole alla crescita dell’essere umano. Aristotele la definì una vita di “attività virtuosa secondo ragione”.

      La felicità secondo Aristotele

      Un’altra definizione di felicità viene dall’antico filosofo Aristotele, il quale suggerì che la felicità è l’unico desiderio umano, e tutti gli altri desideri umani esistono come un modo per ottenere la felicità. Credeva che ci fossero quattro livelli di felicità: felicità dalla gratificazione immediata, dal confronto e dalla realizzazione, dal dare contributi positivi e dal raggiungimento della realizzazione. 

      La felicità, suggerì Aristotele, potrebbe essere raggiunta attraverso il mezzo aureo, che consiste nel trovare un equilibrio tra carenza ed eccesso.

      (Fonti web: verywellmind.com)

Vale la pena notare che cercare la felicità a tutti i costi può anche avere effetti negativi. Ad esempio, gli scienziati hanno scoperto che non riuscire a soddisfare aspettative eccessivamente alte può rendere depressi. E la ricerca mostra che la felicità è molto meno apprezzata nelle culture orientali rispetto a quelle occidentali. Ad esempio, l’armonia è classificata più in alto in molte culture non occidentali quando si tratta degli obiettivi più importanti da perseguire nella vita.

Sarebbe bene chiedersi: non dovremmo accettare e vivere appieno tutta la gamma delle nostre emozioni, sia positive che negative? Non ci renderebbe più umani? Possiamo cercare la felicità in un modo più equilibrato?

Un approccio equilibrato alla felicità

A volte la vita fa schifo. E a volte le cose vanno bene, ma per qualche motivo non ci sentiamo ancora del tutto felici. Ecco perché c’è di più nella felicità che nel comfort. E gestire i nostri livelli di felicità è un’arte in sé.  Si parla di “arte” e non di “scienza”, perché le neuroscienze non hanno fatto molti progressi finora quando si tratta di comprendere la biologia della felicità.

Ti può interessare  Come guarire dalla Sindrome di Cassandra psicologia

Questo importante articolo è stato pubblicato alcuni anni fa e offre una panoramica dello stato attuale delle cose quando si parla di neuroscienze della felicità. In breve, abbiamo fatto molte scoperte sugli aspetti edonistici della felicità: ciò che ci dà piacere. Sappiamo quali parti del cervello si attivano quando proviamo piacere, ma la ricerca che cerca di capire cosa succede nel nostro cervello quando siamo felici e perché, è ancora altamente speculativa.

Quindi, per ora, sono gli psicologi a guidare la danza. La dottoressa Carol Diane Ryff, accademica e psicologa americana, studia da decenni il benessere psicologico e la resilienza psicologica. Sulla base della sua ricerca, ha creato il Modello a sei fattori di benessere psicologico, una teoria che delinea i fattori chiave della nostra felicità.

  1. Auto-accettazione: si tratta di riconoscere e accettare tutti gli aspetti di te stesso, il buono e il cattivo. Significa essere consapevoli dei propri punti di forza e di debolezza e cercare di essere realistici nel modo in cui si valutano le proprie capacità e talenti. È il lavoro quotidiano di amare te stesso nonostante i tuoi errori e le tue imperfezioni.
  2. Autonomia: essere indipendenti nel modo di pensare e avere fiducia nelle proprie opinioni nonostante le pressioni sociali. Indica che sei in grado di fare le tue scelte.
  3. Padronanza ambientale: questo significa che ti senti al comando. Sei in grado di sfruttare le opportunità man mano che si presentano per soddisfare le tue esigenze personali. Puoi gestire fattori e attività esterni nella tua vita quotidiana. Viene con la sensazione di avere il controllo della situazione in cui vivi.
  4. Crescita personale: tutti i pilastri sono uguali in questo modello di felicità, ma la crescita personale è quella da attenzionare di più. La crescita personale è lo sforzo consapevole per continuare a migliorare te stesso attraverso nuove esperienze e cercare costantemente di diventare una versione migliore di te stesso.
  5. Relazioni positive con gli altri: amici, familiari, colleghi: per essere felici, è importante avere relazioni significative con gli altri che includano empatia reciproca, affetto e vari livelli di intimità.
  6. Scopo nella vita: infine, e questo è il fattore più importante, trovare un significato significa perseguire obiettivi a cui tieni profondamente e creare significato e valore nella tua vita. Per alcune persone, questo si ottiene attraverso la religione, ma si può trovare il proprio scopo nella vita attraverso un lavoro significativo, una filosofia o persino connessioni umane.

Insegnare e imparare la felicità

Ti può interessare  Transurfing significato e riassunto dal libro di Vadim Zeland

Vent’anni fa, il dottor Martin Seligman, uno dei fondatori della psicologia positiva, decise di provare a rispondere a questa domanda: si può insegnare la felicità? In un saggio che vale la pena di leggere, spiega come il campo della psicologia si concentri principalmente sul trattamento di condizioni come la depressione. Come si potrebbe invece aiutare le persone a coltivare le loro emozioni positive?

Il dottor Sligman iniziò a tenere un seminario, in cui avrebbe rivisto la ricerca scientifica in psicologia positiva e avrebbe anche dato agli studenti un po’ di compiti a casa molto diversi da quelli a cui erano abituati.

“Quando si insegna un seminario tradizionale sull’impotenza o la depressione non ci sono compiti esperienziali da assegnare; agli studenti non si può dire molto bene di essere depressi o alcolizzati per una settimana. Ma in Psicologia Positiva, gli studenti possono essere incaricati di fare una visita di gratitudine, o di trasformare un compito noioso usando un punto di forza caratteristico, o di regalare del tempo a qualcuno a cui tengono”.

Dr Martin Seligman, Psicologo e autore.

La sua conclusione è stata che, mentre la felicità stessa non può essere insegnata, possiamo padroneggiare le abilità che ci rendono più felici.

Nel suo seminario, insegna l’abilità di contestare pensieri catastrofici irrealistici, l’abilità di assaporare e scattare fotografie mentali, l’abilità di contemplazione, l’abilità di entrare nel flusso o l’abilità di capire i tuoi punti di forza chiave. “La gratitudine è un’abilità, troppo poco praticata, che amplifica la soddisfazione per il passato”, dice.

Seligman dà agli studenti esercizi per insegnare loro come connettersi a cose più grandi dei loro successi e fallimenti. Gli studenti imparano a fare da mentore agli studenti più giovani. 

Inoltre egli osserva che i programmi scolastici non sono attualmente progettati in modo da insegnare agli studenti come vivere una vita felice. Mentre l’università che frequenti avrà un impatto sul tuo stipendio, non fa differenza per i tuoi livelli di felicità più avanti nella vita, misurati da cose come la soddisfazione generale della vita, la felicità coniugale, il benessere fisico, il non essere depresso o il non essere un alcolista.

Si spera che questo cambierà in futuro ed è incredibile immaginare un mondo in cui agli studenti viene insegnato come prendersi cura del proprio benessere mentale.

(Fonte web: 'The psychology of happiness' - nesslabs.com/psychology-of-happiness)

Condividi

Shares
Vuoi ricevere le frasi e gli aforismi del giorno?
Iscriviti alla nostra newsletter - Pensiero del Giorno Blog
Riceverai le frasi, gli aforismi e gli articoli nella tua email. 
NON INVIEREMO PUBBLICITA'!
icon

  • Corso online "Conosci l'ansia e impara a gestirla"
  • Corso online sull'Intelligenza emotiva: come svilupparla
  • Corso online sull'Agilità emotiva: riappropriati delle tue emozioni
  • Corso online su Come essere più felici con la Psicologia Positiva
  • Corso online su Come aumentare l'autostima: tecniche ed esercizi che funzionano
  • Corso online sull'Arte di Comunicare: sviluppo personale, PNL e leadership
  • Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.